Euro 2016 Ottavi – Portogallo

Euro 2016 Ottavi – Portogallo

Nonostante il terzo posto nel Girone F, essendo tra le quattro migliori terze, il Portogallo è riuscito a qualificarsi per gli ottavi di finale, dove troverà la temibile Croazia.

di Ciro Brancone, @_Cb_official_

Sulla carta il Girone F era quello meno difficile, col Portogallo che si candidava all’egemonia di tale gruppo ma qualcosa deve essere andato storto, e fortuna che il terzo posto in questo Europeo ha consentito di essere ripescato, perché solo in questo modo Ronaldo e compagni sono riusciti a qualificarsi per gli ottavi di finale.

PORTOGALLO – COME ARRIVA AGLI OTTAVI

Ci si aspettava qualcosa in più dalla compagine lusitana, da cui ci si attendeva, piuttosto in scioltezza, la vittoria del Girone F. L’ultima amichevole giocata contro l’Estonia, vinta 7-0, aveva addirittura lasciato presagire che gli uomini di Santos avrebbero potuto giocare un Europeo da protagonisti. Ma non è stato così: è mancato un po’ tutto, sia dal punto di vista del gioco, a tratti davvero carente, sia forse quel pizzico di fortuna in più che avrebbe permesso ai portoghesi di vincere almeno una gara (l’esempio lampante è il rigore calciato sul palo da Ronaldo nella gara contro l’Austria). Agli ottavi ci sarà la Croazia, ostica compagine pronta a tutto pur di passare il turno: al contrario dei croati, il cui umore è altissimo dopo la sorprendente vittoria contro la Spagna, in casa del Portogallo non si può dire lo stesso, nonostante una qualificazione raggiunta fortunosamente. L’unico a mettersi in mostra è stato Cristiano Ronaldo, autore di due reti in tre partite, con Nani forse unico alla sua altezza. Per la gara contro la Croazia i giocatori in dubbio sono Andre Gomes e Guerreiro, che alla fine  dovrebbero comunque riuscire ad essere a disposizione.

PORTOGALLO – I NUMERI

Tre punti in tre partite: è questo il magro bottino della compagine lusitana nella fase a gironi dell’Europeo. Quattro le reti segnate, altrettante quelle subite. Differenza reti pari a zero. Gli unici due marcatori del Portogallo sono stati, finora, Ronaldo e Nani. Quaresma e Pepe sono gli unici due diffidati: entrambi hanno rimediato un’ammonizione nel corso della gara contro l’Austria.

PORTOGALLO – TOP & FLOP

TOP

  • Cristiano Ronaldo: fa il bello e il cattivo tempo in fase offensiva. Nelle prime due gare è stato forse l’unico a provarci davvero con insistenza e con cattiveria, ma la sfortuna ha fatto la sua parte e l’attaccante del Real Madrid non è riuscito ad incidere. Il riscatto è arrivato con la doppietta contro l’Ungheria, in cui ha anche segnato un pregevole gol di tacco.
  • Nani: una delle poche note positive dell’Europeo del Portogallo: due le reti messe a segno dall’ex Manchester United, fondamentali per il raggiungimento degli ottavi di finale.
  • Joao Mario: in generale, è mancato l’apporto dei centrocampisti. Per l’impegno messo in campo, però, è tra i pochi che sono stati capaci di distinguersi.

FLOP

  • Vieirinha: bravo nella fase offensiva, non lo è stato in quella difensiva. Un suo errore costa due punti al Portogallo: il pareggio di Bjarnason nella gara contro l’Islanda è frutto di una sua negligenza.
  • Joao Moutinho: sulla carta è il miglior centrocampista a disposizione di Santos ma, in queste prime tre partite, è stato il grande assente.
  • Quaresma: quando chiamato in causa incide davvero poco, è chiamato a dare un apporto maggiore perché è questo che ci si attende da un giocatore della sua qualità.

PORTOGALLO – QUALE FUTURO?

La gara contro la Croazia è il crocevia di questo Europeo: il passaggio del turno potrebbe garantire, a meno di clamorose sorprese, almeno il raggiungimento delle semifinali, complice anche un tabellone molto favorevole ai lusitani. Ma prima, ovviamente, c’è da superare i croati, che non partono battuti e sono pronti a dire la loro.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy