Euro 2016 Ottavi – Germania

Euro 2016 Ottavi – Germania

La Germania di Low si qualifica per gli ottavi vincendo il gruppo C. Neuer imbattuto ma Muller ancora a secco.

di Francesco Spadano, @francespadano

La Germania ha vinto il suo girone con 7 punti grazie a 2 vittorie intervallate dal pareggio con la Polonia. Nessun gol subito e solo tre fatti per i tedeschi, sufficienti, però, per centrare il primo obiettivo della spedizione in Francia. Come da pronostico i tedeschi hanno, infatti, vinto il loro raggruppamento, avendo come unico vero ostacolo al primato solo la Polonia.

GERMANIA – COME ARRIVA AGLI OTTAVI

La squadra non è sembrata una schiacciasassi nella fase a giorni. Il gioco proposto non è stato spettacolare e ogni tanto si è vista qualche difficoltà nel gestire le ripartenze avversarie, per via dello schieramento molto offensivo. La Germania ha dimostrato, comunque, un ottimo possesso palla e la giusta concentrazione in fase difensiva. In attacco i tedeschi sono sembrati, però, stranamente spuntati e poco concreti. Alcuni elementi del reparto offensivo di Low sono sembrati fuori forma o spaesati. Si è notato, inoltre, che alcuni dei migliori giocatori, come Ozil e Muller, hanno spesso reso meglio nella ripresa, dimostrando cosi una crescita fisica, positiva per alimentare le ambizioni tedesche di successo finale.

GERMANIA – NUMERI E STATISTICHE

La Germania ha raccolto 7 punti nelle tre gare del girone. Ottima solidità difensiva con Neuer imbattuto nelle prime tre gare. L’ultima volta che la Germania mantenne la porta inviolata nelle prime tre partite di un Europeo fu nel 1996 quando vinse il suo terzo titolo della storia. Schweinsteiger ha raggiunto le 15 presenze in un Europeo: record assoluto per un giocatore tedesco. La Germania è la squadra che ha avuto più possesso palla in questa fase a gironi, ben il 66% di media a partita. Molto bene anche i passaggi completati con una percentuale del 91%, meglio ha fatto solo la Spagna.

GERMANIA – TOP & FLOP

TOP

  • Boateng – Migliore in campo contro la Polonia. Sempre attento e concentrato in difesa, anche in fase di impostazione è sembrato piuttosto sicuro. Assieme ad Hummels, assente nel primo match, forma una coppia di assoluta affidabilità e Neuer ringrazia.
  • Ozil – Il talento dell’Arsenal è il fulcro delle azioni offensive tedesche. Non ha ancora inciso sotto porta ma è fondamentale per la Germania. In crescita fisica e costantemente meglio nei secondi tempi che nella  prima frazione di gioco. I numeri dicono che raramente sbaglia un passaggio; gli manca solo l’acuto per diventare un protagonista di questo Europeo.
  • Hector – Sempre presente nelle prime tre gare, il laterale del Colonia è stato uno dei migliori terzini della fase a gironi. Secondo i dati Opta è stato, addirittura, il miglior terzino sinistro della competizione. Buona spinta sulla fascia e quasi nulle le sbavature difensive.

FLOP

  • Gotze – Nonostante la continua fiducia di Low, il giocatore del Bayern è apparso spaesato e sfiduciato. Qualche occasione sprecata e un ruolo che forse non è perfetto per lui hanno reso Gotze uno dei più deludenti della compagine tedesca.
  • Draxler – Il talento tedesco spesso si assenta durante i match diventando, addirittura, un corpo estraneo in alcune fasi di gioco. Troppo discontinuo il suo apporto alla squadra e poco concreto in zona gol.
  • Muller – In crescita a livello di prestazioni e tanta sfortuna nell’ultima gara dove ha preso due legni. Da Muller però ci si aspettava di più, specie in termini di reti. I movimenti sono spesso quelli giusti ma Muller doveva essere il trascinatore della squadra tedesca e nelle prime partite non lo è stato.

GERMANIA – QUALE FUTURO?

La Germania rimane una delle squadre favorite per la vittoria finale. A prescindere dal discorso tabellone, gli uomini di Low hanno talmente tanta qualità ed esperienza internazionale che possono battere chiunque in questo Europeo. Il cammino verso la finale sembra tortuoso ma vista la solidità difensiva, la qualità in mediana e il potenziale offensivo tedesco, le possibilità di fare tanta strada in questo Europeo sono molto alte. Intanto si comincia con la Slovacchia e poi, se andrà bene, la vincente di Italia-Spagna.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy