Belgio – Norvegia 3-2, alla fine a pagare è il gioco di Hazard

Il Belgio di Wilmots c’è e batte in rimonta la Norvegia grazie a Lukaku, Hazard e Ciman. L’Italia di Conte è avvisata, il Belgio sarà avversario tosto.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Il Belgio di Wilmots, prossimo avversario dell’Italia di Conte il 13 giugno, e inserito nel girone E insieme a Repubblica Ceca e Svezia, vince in rimonta contro la Norvegia e manda segnali importanti per gli imminenti europei. Tante le stelle di Wilmots in campo, da Courtois ad Alderweireld passando per De Bruyne, Hazard, Mertens, Witsel, Nainggolan e Lukaku. Insomma tanta qualità che fa del Belgio una delle squadre più temibili del torneo continentale e che punta, giustamente, ad arrivare in fondo alla manifestazione francese. La Norvegia è stata un osso duro per circa un’ora di gioco,  Hogmo deve essere soddisfatto della sua squadra che ha dato del filo da torcere in casa dei diavoli rossi.

PRIMO TEMPO: BELGIO – NORVEGIA 1-1

Bastano solo 3 minuti di gioco all’attaccante dell’Everton Lukaku per segnare di potenza da fuori area dopo essersi liberato di due uomini, anche se non è esente da colpe il portiere norvegese Nyland. Passano 20 minuti e la Norvegia trova il pareggio con King, e mentre il Belgio si disunisce la Norvegia preme con i suoi giocatori migliori, Berisha e King, andando più volte alla conclusione. Il primo tempo finisce però 1-1.

SECONDO TEMPO: BELGIO – NORVEGIA 3-2

La ripresa si apre con la doccia gelata per i tifosi del Belgio perché la Norvegia passa incredibilmente in vantaggio con Berisha. L’attaccante norvegese parte dalla trequarti con la difesa del Belgio che invece di contrastarlo resta a guardare, poi Berisha spara un siluro sotto l’incrocio dei pali, da fuori area, con Courtois che non può fare nulla. Fellaini sostituisce un impalpabile Witsel poi, a seguire, il cambio che deciderà la gara: nel Belgio entra il difensore Ciman richiamato in squadra per le tante defezioni in difesa, ultima quella di Vermaelen. Al 70′ arriva il pareggio, confezionato dalla premiata ditta dei trequartisti, con De Bruyne che pennella e Hazard che schiaccia ad incrociare sul palo opposto del portiere norvegese. Lukaku e Mertens hanno le occasioni per segnare, Hazard e De Bruyne salgono in cattedra ma è il neo entrato Ciman a siglare il gol vittoria e a mandare in estasi i tifosi del Belgio. Su calcio d’angolo battuto da Mertens la spizzata di Alderweireld lo trova nell’area piccola, pronto a raccogliere una palla che passa tra una selva di gambe. Gli ultimi minuti sono una festa col Belgio che va vicino al quarto gol con Fellaini.

MIGLIORI

Lukaku – Wilmots agli europei lo farà giocare anche con una gamba sola. Dopo 3′ minuti il gol è un misto di potenza e precisione, aiuta la squadra anche nei momenti di difficoltà, imprescindibile.

Berisha – Il più pericoloso dell’attacco della Norvegia, splendido il gol e altre buone iniziative, unico neo il gesto di zittire i tifosi.

Ciman – Richiamato in nazionale da Wilmots per le defezioni in difesa del Belgio, vive una favola: entra e decide la gara siglando il gol della vittoria.

PEGGIORI

Witsel – Il centrocampista belga è quello che fatica maggiormente, sia a spezzare il gioco avversario che a costruire e concludere. Esce per Fellaini nella ripresa.

Denayer – Fatica parecchio a contenere le avanzate degli avversari, non riesce a proporsi e commette diversi errori in fase di impostazione. Non immune da colpe sul gol di Berisha esce sostituito dall’eroe di giornata Ciman.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy