Conferenza Pescara – Zeman: “Cambierò qualcosa, per disperazione. Brugman esterno alto”

Il tecnico boemo ha presentato la sfida casalinga contro il Milan di Montella.

di Francesco Spadano, @francespadano

Alla vigilia del match contro il Milan, Zeman ha presentato la gara e ha fatto il punto sulla situazione del Pescara.

ZEMAN E LA FORMAZIONE

Il boemo annuncia in conferenza qualche cambiamento e fa il punto su diversi elementi: “Ad Avezzano ho provato qualcosa, Campagnaro è a disposizione ma la formazione la faccio domani. Spero di non sbagliare e comunque la dico prima ai giocatori. Bahebeck si muove ancora da solo e non con i compagni, vedremo. Coulibaly a sorpresa? È tesserato, non sarebbe una sorpresa. Kastanos è un po’ in ritardo secondo me, ha doti ma viene dalla Primavera dove si gioca di più di individualità. Crescenzi ala? Mi serviva per bloccare Spinazzola e domani Spinazzola non c’è. Verre ha più potenzialità degli altri centrocampisti, il problema è che non le mette nel posto giusto. Come gli altri gioca poco di squadra. Brugman centrale o mezz’ala? Io ad oggi lo vedo esterno in avanti. Nella settimana di pausa abbiamo fatto un lavoro fisico ed uno tattico, se basta non lo so. Quando sono arrivato pensavo di poter incidere di più? Si, gli interpreti sono giusti, ma non giocano come squadra. Per me il calcio è semplice, ci si difende tutti e il centrocampo costruisce per l’attacco”.

ZEMAN E L’AVVERSARIO 

Mister Zeman parla del Milan e dei suoi precedenti: “Affrontare il Milan spero sia una motivazione per dare tutto, bisogna provarci comunque sempre, specie in casa per dimostrare che ci possiamo stare in questo campionato. I miglioramenti visti ad Avezzano dobbiamo vedere se bastano con il Milan. Montella? Lo feci prendere a Sensi ma non l’ho potuto allenare. Contro il Milan in casa non perdo mai? Erano altre situazioni. Cosa chiedo al finale di stagione? Cos’è molto difficili, la salvezza”.


Fonte: Pescarasport24.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy