Chievo-Torino, le Fantapills: bonus per Zappacosta, Ljajic e Iago. Di Pellissier il gol della bandiera clivense

Le Fantapills della sfida tra Chievo Verona e Torino valida per la 33a giornata di Serie A.

di Elisabetta Favilli, @relawen

Al Bentegodi è il Torino a portarsi a casa l’intera posta in palio regolando il Chievo con un punteggio di 1-3. Il primo tempo scorre avido di emozioni dove entrambe le squadre non riescono a scardinare le difese avversarie, ma è nel secondo tempo che il match prende vita e vede nei gol di Ljajic, Zappacosta e Iago Falque la vittoria granata nonostante il gol di Pellissier. Buone le prove di Zappacosta e Dainelli che riesce ad ingabbiare efficacemente Belotti. Infortunato De Silvestri.

AVELAR: è tornato titolare dopo un anno e mezzo di stop forzato per problemi fisici. La sua prestazione non può essere considerata altro che positiva, nonostante l’errore di marcatura su Pellissier. Queste le parole di Mihajlovic sul brasiliano: “Avelar è un giocatore che ha qualità, oggi ha fatto bene, l’ho tolto prima perchè non aveva novanta minuti sulle gambe. Quando va avanti e spinge ha qualità, e si vede. Questo non si discute. Continuerò a farlo giocare, secondo me fisicamente è forte e tecnicamente è bravo, può fare la differenza. Sono contento”.

DAINELLI: ottima prova di esperienza e concentrazione. E’ riuscito nell’ardua impresa di ingabbiare Belotti riducendo al minimo i pericoli derivanti dal bomber bergamasco, cosa tutt’altro che semplice in questo periodo.

LJAJIC: finalmente una prestazione convincente. Il fantasista serbo ha partecipato ad ogni azione granata toccando tantissimi palloni e illuminando, con la sua classe, la manovra offensiva del Torino. Il ruolo di trequartista lo mette nel vivo del gioco e questo non fa altro che giovare alle sue prestazioni. Ecco le sue parole nel post match“Questo è il mio ruolo naturale: mi piace giocare in questa posizione da sempre, fin da quando ero bambino. Con la terza maglia segno spesso? Mi porta molto bene ma non dipende sicuramente dalla maglia, dipende tutto da me. Siamo felici di questo successo, non eravamo abituati a vincere in trasferta e in questo finale di campionato ci stiamo riuscendo di più. Con questo modulo ci stiamo divertendo ma quello che conta non è il modulo ma il cuore, la personalità e il coraggio. Noi abbiamo qualità, dobbiamo dimostrarlo. Contro il Crotone meritavamo di più, ma per fortuna abbiamo vinto oggi. Sono contento della mia prestazione ma sono contento sopratutto della prestazione della squadra. Siamo forti e se mettiamo in campo il giusto atteggiamento penso che possiamo battere chiunque. Ora ci attende la Sampdoria: la affronteremo come abbiamo affrontato oggi il Chievo”.

PELLISSIER: il capitano clivense è immortale. Gli basta un pallone giocabile e, complice una marcatura sommaria di Avelar, riesce a battere Hart in uscita. Nonostante l’età è sempre l’uomo più pericoloso del Chievo Verona.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy