Chievo-Palermo, le Fantapills: Pellissier highlander, Goldaniga da +3

Le Fantapills della sfida tra Chievo e Palermo, valida per la 35a giornata di Serie A.

di Danilo Buonpensiero, @DB1996PA

La partita tra Chievo e Palermo è terminata con il risultato di 1-1. I marcatori portano la firma di Pellissier per il Chievo e Goldaniga per il Palermo. Questa partita si può apostrofare come una delle tipiche partite di fine stagione, dove le squadre non hanno nessuno obiettivo particolare. Buon campionato per il Chievo che ha raggiunto l’obiettivo salvezza in largo anticipo, avvalendosi dell’infinita vena realizzativa del capitano storico Pellissier. In questa partita l’unica nota importante da sottolineare è la retrocessione matematica del Palermo, in seguito alla contemporanea vittoria dell’Empoli sul Bologna. Vediamo assieme i protagonisti in positivo e in negativo con le nostre Fantapills.

PELLISSIER: infinito. Il bomber del Chievo a 38 anni suonati continua ancora a fare la differenza segnando e trascinando la sua squadra verso una salvezza tranquilla. Contro il Palermo è autore di una grande partita dove è un importante punto di riferimento offensivo per i suoi compagni di squadra. Le occasioni non sono tantissime, ma riesce comunque ad incidere sulla partita trasformando freddamente il calcio di rigore a favore della sua squadra. L’unica macchia della sua prestazione è l’errore nel finale che consente a Goldaniga di trovare il pareggio senza alcun problema. Per l’attaccante italiano sono 9 reti in Campionato: riuscirà a trovare la doppia cifra? Ecco cosa ha dichiarato nel post-partita: “Sarebbe bello tornare in doppia cifra in Serie A perché dimostrerei che non sono ancora finito. I tifosi ci hanno sempre applaudito e loro sono stati gli unici ad applaudirci e questo ci fa piacere”.

SORRENTINO: il portiere del Chievo è autore di una buona prestazione, decide di alzare un muro contro la sua ex squadra costringendola alla matematica retrocessione, vanificando ogni possibile pericolo nei pressi della sua porta. Non tutto ciò che è oro luccica però: il +1 dell’imbattibilità era molto vicino per lui fino al minuto 88 in cui Goldaniga ha deciso di spezzare tutte le speranze dei fantallenatori.

GOLDANIGA: un +3 che vale molto poco. La prestazione del difensore italiano è discreta e viene condita anche da una rete nel finale, ma nemmeno questo permette al Palermo di impedire la retrocessione. Lo stesso difensore può essere considerato uno dei principali artefici sul campo di questa stagione buia per i colori rosanero: nonostante le diverse reti segnate, è stato autore di innumerevoli errori difensivi insieme ai compagni di reparto che hanno fatto divertire gli attaccanti avversari.

JAJALO: come al solito, una prestazione pessima per il centrocampista rosanero. Non che ce ne siano state di buone, ma anche oggi si rende autore di un errore che permette alla squadra avversaria di passare in vantaggio: perde un pallone in modo goffo e permette a Inglese di entrare in area e procurarsi il rigore. Inutile dire che anche lui ha contribuito alla retrocessione della sua squadra, nulla di nuovo. Su Jajalo l’allenatore del Palermo si è espresso così: “Per me ha giocato bene. Al di là dell’errore che ha originato il rigore del Chievo, non ho nulla da dire sulla prestazione se non che è evidente che abbiamo pagato i nostri errori”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy