Bologna-Udinese, le Fantapills: il Bologna spinge Destro verso la doppietta, Udinese affondata 4-0

Le Fantapills della sfida tra Bologna ed Udinese valevole per la 34ma giornata.

di Matteo Di Sabatino

Una bella giornata di sole. È questo il preambolo che fa da cornice alla gara tra Bologna ed Udinese. Prima di iniziare c’è il tempo di rivolgere un pensiero a Giorgio Guazzaloca, una delle figure di spicco della società bolognese degli ultimi 30 anni, dai più ricordato per la sua carica di sindaco tra il 1999 ed il 2004.

Appena accomodatisi, gli spettatori cono chiamati ad alzarsi ed esultare per il secondo gol consecutivo di Mattia Destro, che già al secondo minuto si fa trovare pronto su suggerimento di Donsah. Palla al centro, contropiede Bologna ed ancora Krejci regala l’illusione del gol, stavolta però viene segnalato l’off-side dall’assistente di linea. A questo punto inizia una gara combattuta, vengono meno le emozioni del bel calcio ed entrano in scena duelli ed interventi decisi. Occasioni non se ne vedono fino al primo minuto di recupero, quando Krejci controlla un pallone difficile di Mbaye, serve al limite dell’area piccola la corrente Taider che non sbaglia e fa 2-0, gol fotocopia del primo. Si torna in campo, ma dagli spogliatoi riemerge una sola squadra, il Bologna, ed è facile per i rossoblu trovare altri due gol, sempre grazie a Destro (a cui viene annullato anche un terzo gol per fuorigioco) ed a Danilo che devia sciaguratamente verso la propria porta un tiro di Verdi. Udinese annichilita e mai pericolosa oggi, grande prestazione invece del Bologna sotto gli occhi deliziati dei propri sostenitori.

– DESTRO: sì Mattia, è così che ti vogliamo; presente nella manovra e spietato sotto porta. Partita di sostanza dell’attaccante rossoblu che ha il grande merito di sbloccare la situazione dopo appena due minuti e di mettere costantemente in apprensione la retroguardia avversaria. Ora non fermarti!

– KREJCI: gli avevamo chiesto un assist per riscattare la prova opaca della settimana scorsa e lui da gentiluomo ci ha accontentato, facendoci addirittura gridare al gol dopo cinque minuti di partita, ma il guardalinee ci strozza l’urlo in gola. Bello il controllo volante ed il successivo assist a servire Taider in occasione della seconda marcatura. I due provano a replicare il duetto nel secondo tempo ma Karnezis si fa trovare pronto.

– TAIDER: oggi era “l’anziano” a centrocampo e da lui ci si aspettava una prova di personalità; raccoglie la sfida e guida bene il reparto, trovando il gol e non facendo rimpiangere Dzemaili per quanto riguarda gli inserimenti.

– ANGELLA: oggi davvero male, più lui di Danilo che pure è l’autore dell’autorete propiziata da un tiro di Verdi. Non riesce a vincere nemmeno un duello con Destro ed in più, quando chiamato ad impostare, non ne azzecca una. Da rivedere.

– JANKTO: sembra un altro giocatore, l’ombra di quel gioiello in grado di spaccare le partite che si era ammirato fino a qualche partita fa; oggi si incarta spesso da solo, tanto da costringere Del Neri a sostituirlo ad inizio secondo tempo.

– THEREAU: il francese è ormai in calo da qualche partita, ma per gli equilibri tattici di Del Neri risulta fondamentale. Dopo l’ennesima prestazione incolore, forse il tecnico di Aquileia studierà altre soluzioni che non prevedano l’utilizzo obbligatorio del numero 77 bianconero.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy