Atalanta-Milan, le Fantapills: Gomez a mezzo servizio, Deulofeu torna ai suoi livelli

Atalanta-Milan, le Fantapills: Gomez a mezzo servizio, Deulofeu torna ai suoi livelli

Le Fantapills della sfida tra Atalanta e Milan della 36a giornata di Serie A.

di Marco Grano

Il Milan è quasi riuscito a rovinare la festa dell’Atalanta, segnando un gol allo scadere dopo una partita a nette tinte nerazzurre. I bergamaschi raggiungono comunque matematicamente la storica qualificazione in Europa League, ma per ufficializzare la quinta posizione dovranno attendere ancora un po’.

Tra gli atalantini Gomez resta sempre il giocatore più discusso. Per lunghi tratti si è visto il solito Papu, capace di creare gioco anche quando sembra impossibile, ma la sua prova è macchiata dall’errore sotto porta del primo tempo, e dal passaggio sbagliato che ha dato il via al gol del pareggio rossonero.

Nel Milan è Donnarumma a meritarsi la copertina, ma questa volta nell’insolita veste di dottor Jekyll e mister Hyde. Nel primo tempo salva il risultato sbarrando la porta al Papu Gomez, ma nell’occasione dopo è goffo sul traversone basso di Spinazzola, regalando di fatto la palla del vantaggio a Conti. Nel secondo tempo torna quello classico: evita a più riprese il raddoppio e dà solidità ad un reparto che continua a traballare.

GOMEZ: ha tutte le attenuanti del caso, e non meriterebbe critiche dopo una stagione così, ma il colpo “moscio” con cui prova a sbloccare la gara è la fotografia del suo momento di forma. Anche a mezzo servizio resta sempre il maggior artefice delle azioni offensive nerazzurre. Ormai ha un futuro da DJ: non balla ma fa ballare, specie gli avversari.

CONTI: otto gol in Campionato, e ancora due gare per migliorare questo record. In casa è diventato quasi una sentenza, e per i suoi fantapossessori l’unico cruccio è che la stagione è al termine. Quando hai un’ira di Dio in rosa, vorresti che si giocasse ogni giorno. Peccato per i gialli che continuano ad arrivare, ma questa volta (maglia tolta per esultare) lo possiamo perdonare.

CRISTANTE: l’ultima invenzione di chef Gasperini è in realtà una posizione ormai nota nel calcio moderno: il trequartista atipico. Interpreta il ruolo in maniera precisa, senza strafare e senza dimenticarsi che nel mezzo si lotta pure. Kurtic può anche chiudere la stagione in panchina.

–  DONNARUMMA: dolce e amara la notte di Bergamo per il numero 99 rossonero. In meno di due minuti passa dalla santificazione (miracolo su Gomez) alla dannazione (errore sul gol di Conti). Eppure rientra in campo con calma olimpica, senza timore. Chiude la gara come uno dei migliori in campo sbarrando la strada a Kessiè e soci. Dimostra ancora una volta di essere il vero top player del Milan.

DE SCIGLIO: è in crisi profonda di identità. Ormai non ne azzecca più una, collezionando errori in difesa (vedi la mancata chiusura su Conti in occasione del gol) e senza neanche provare ad affacciarsi in avanti.

DEULOFEU: versione milanista del papu Gomez, l’unico a creare gioco nella linea offensiva rossonera. Toloi gli sbarra la strada più volte, ma non è colpa sua se dal resto dei compagni non arrivano aiuti. Sarà per questo che per pareggiare è “costretto” a tirare in porta lui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy