Torino, arriva il cambio modulo: pronta la difesa a quattro

Giampaolo prepara la sfida contro l’Udinese e pensa a qualche sorpresa

di Mauro Maccioni

La partita contro l’Udinese è a dir poco fondamentale, con una vittoria che varrebbe doppio e porterebbe una ventata di sicurezze che, ad oggi, mancano. Giampaolo si prepara rimaneggiando il suo Toro: pronta la difesa a quattro.

NUOVO MODULO E INTERPRETI

La difesa a quattro e il ritorno al suo adorato 4-3-1-2 cambia, ovviamente, anche le maglie titolari. Abbandonare la difesa a tre significa concedere qualcosa dietro e aumentare il potenziale offensivo, scelta che, a vedere i risultati, potrebbe sembrare azzardata. Ma, come si suol dire, i rigori li sbaglia solo chi ha il coraggio di tirarli. Sirigu tra i pali, dunque, con Singo e Rodriguez sugli esterni. In mezzo, ballottaggio a tre tra Lyanco, Bremer e Nkoulou, con il primo che sembra essere quasi sicuro di un posto. Il centrocampo non verrà toccato e saranno ancora Rincon, Linetty e Meité a fare da schermo alla retroguardia. Spazio a Lukic dietro le due punte, che saranno Belotti e Zaza. L’ultimo è una scelta obbligata, viste e considerate le assenze di Verdi e Millico, entrambi ai box.

Un nuovo Torino, dunque, con la possibilità di passare a 3 grazie all’innesto di Vojvoda sulla sinistra. Giampaolo prova a cambiare pelle, nella speranza che il toro riesca finalmente a incornare i suoi avversari.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy