gazzanet

Spal, la duttilità del gregario Reca: col ritorno di Fares sarà lo stesso titolare

FERRARA, ITALY - NOVEMBER 04: Arkadiusz Reca of SPAL competes for the ball with Morten Thorsby of UC Sampdoria during the Serie A match between SPAL and UC Sampdoria at Stadio Paolo Mazza on November 4, 2019 in Ferrara, Italy.  (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

Da riserva a titolare indiscusso, la Spal ha riscoperto Reca il terzino tuttofare.

Mario Ruggiero

"All'inizio della scorsa estate doveva essere una valida alternativa in organico per dare il cambio a Fares sulla fascia mancina nel collaudato 3-5-2 di Leonardo Semplici. A causa dell'infortunio dell'algerino, invece, Arkadiusz Reca, classe 1995 e cartellino di proprietà dell'Atalanta, è diventato pian piano centrale nel progetto tecnico-tattico dell'allenatore della doppia promozione degli estensi.

Pur non brillando all'inizio, Reca ha guadagnato la fiducia di staff tecnico e compagni mostrando spirito di sacrificio e voglia di imporsi nonostante un contesto difficile, con la formazione emiliana invischiata nelle zone calde della classifica. L'infortunio di dicembre non ha tarpato le ali al calciatore polacco che è ritornato in campo a gennaio siglando l'unico assist stagionale, per uno strano caso del destino, nel successo esterno maturato contro l'Atalanta (1-2).

L'esonero di Semplici non ha stravolto i piani di Reca che, con il neo-tecnico Di Biagio, rimane sempre al centro del progetto retrocedendo da terzino sinistro nella linea difensiva a quattro disegnata dall'ex Commissario Tecnico della Nazionale Under 21 italiana. Fornirà equilibrio e copertura al rientrante Fares sulla corsia mancina non disdegnando, in ogni caso, sovrapposizioni che possono risultare vincenti per Petagna, il bomber degli estensi che, a fine campionato, inizierà la nuova avventura calcistica al Napoli di Gennaro Gattuso.

Reca è un gregario duttile, un calciatore affidabile per completare la propria fantarosa a prezzi contenuti in un reparto sempre particolare come quello difensivo dove è sempre meglio avere più soluzioni tra squalifiche e infortuni. Soprattutto, in un momento storico come quello della ripresa del torneo, dove si giocherà praticamente ogni tre giorni.

tutte le notizie di