Report Europa League Lazio – Con fatica i biancocelesti abbattono il Vitesse, vittoria per 2-3 in Olanda

Gli ingressi dalla panchina si rivelano decisivi: la Lazio vince per 2-3 all’esordio in Europa League con tre gol nella ripresa

di Alessio Ambrosino, @aleambrosini

Sì è rivelata più dura del previsto. Ma alla fine la Lazio vince nella prima gara europea della stagione, battendo il Vitesse per 2-3. Per i biancocelesti a segno Parolo, Immobile e Alessandro Murgia. Serata non facilissima per i biancocelesti, che vanno sotto per ben due volte dopo il gol del vantaggio di Matavz e quello del 2-1 di Linssen, entrambi propiziati da un Rashica in splendida serata.

REPORT EUROPA LEAGUE: VITESSE – LAZIO

Inzaghi decide di mettere in campo una formazione totalmente rivoluzionata: del blocco dei titolari giocano solo Strakosha, De Vrij, Parolo (squalificato domenica prossima) e Luis Alberto. 3-5-1-1 il modulo con lo spagnolo trequartista dietro l’unica punta Caicedo: per lui come per i vari Marusic, Di Gennaro, Luiz Felipe e Lukaku è l’esordio dal primo minuto in questa stagione. Gara che si fa subito intensa, anche per l’atmosfera che si respira allo stadio Gelredome di Arnhem. La Lazio parte forte, mettendo in mostra una discreta superiorità tecnica nei confronti dei gialloneri, che passano però in vantaggio al 33′, complice una sbandata difensiva con prinicipale protagonista Luiz Felipe, che lascia troppo spazio per il cross che servirà poi Matavz, lasciato colpevolmente solo anche da Bastos. Dopo lo svantaggio la Lazio reagisce, ma non con la cattiveria e la qualità giusta: Inzaghi decide così di inserire ad inizio ripresa Ciro Immobile. La partita cambia, radicalmente, con i biancocelesti che iniziano a macinare gioco fino ad arrivare al pareggio di Parolo, capitato dopo un’azione rocambolesca che coinvolge tutti i difensori del Vitesse, che lisciano chi prima chi dopo la palla. Ma la formazione allenata da Henk Fraser dopo solo 6 minuti torna in vantaggio: il solito Rashica supera senza problemi un disastroso Lukaku, servendo l’assist vincente per l’accorrente Linssen. Rischia anche di subire il 3-1 la Lazio, ma Brums grazia i capitolini. Entrano anche Milinkovic e Lulic, la sfida torna sui binari giusti per la Lazio: arriva il gol del pari dopo una bellissima azione chiusa da un tiro di Immobile con assist di tacco di Caicedo, e dopo 8 minuti arriva la rete della vittoria di Alessandro Murgia. Succede poco altro, con Inzaghi e i suoi che mettono in cascina tre punti preziosissimi in ottica qualificazione.

REPORT EUROPA LEAGUE LAZIO – PROMOSSI E BOCCIATI

L’undici iniziale visto stasera era totalmente sperimentale. Nuovi acquisti che ora sono riserve, oppure giovani che devono ancora crescere: Inzaghi con questo mix ha tentato di vincere la partita, che però è stata risolta dall’ingresso dei big, su tutti lo straripante Immobile. Promosso ancora una volta Luis Alberto, che nel corso della gara ha cambiato più di una posizione, giocando come trequartista, come regista e come mezzala. Bene Parolo, solito motorino inesauribile, apprezzabile anche la prova di Caicedo, che oltre allo splendido assist di tacco sul 2-2 ha corso tantissimo e fatto a sportellate per tutti i 90′. Murgia ancora una volta a segno: il classe ’96 si candida per una maglia da titolare per sostituire Parolo nel prossimo match di campionato.

Veniamo alle note dolenti, su tutte Luiz Felipe e Lukaku. Il primo è andato in totale confusione, forse complice anche la giovane età, e non ha saputo arginare al meglio gli attacchi avversari anche in occasione del gol del vantaggio del Vitesse. Questo anche a causa della presenza di un Jordan Lukaku assolutamente in serata no in fase difensiva. Il belga è andato costantemente in difficoltà sulle avanzate del diretto avversario Rashica, tant’è che ha lasciato il campo a Lulic dopo l’ennesima occasione creata dell’esterno kossovaro. Senza infamia e senza lode la prestazione di Marusic, che giocando così difficilmente toglierà il posto a Dusan Basta.

LE PAROLE DI INZAGHI

Importantissime in ottica Fantacalcio le parole del tecnico nel post partita, soprattutto sull’impiego di Luis Alberto: Il modulo? Ci siamo messi con il 4-3-1-2 con gli attaccanti un po’ più larghi. Luis Alberto doveva attaccare invece il portatore. Potevamo segnare di più, sono contento di Caicedo che ha lottato ed è stato bravissimo sul gol di Immobile. Sono soddisfatto: abbiamo vinto e ho avuto le risposte che cercavo. Spero che rientrino al più presto Felipe Anderson, Nani e Wallace: ci daranno tanto. Luis Alberto ha cambiato tre ruoli in questa partita, è un giocatore completo e il nostro valore aggiunto. Le sue qualità si erano già intraviste, ha faticato solo con la lingua e il calcio italiano. Ora non posso farne a meno, è un elemento preziosissimo per noi”.

VITESSE – LAZIO 2-3: IL TABELLINO

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos, de Vrij, Luis Felipe (46′ Immobile); Marusic, Parolo, Di Gennaro (62′ Milinkovic), Murgia, Lukaku (65’Lulic); Luis Alberto, Caicedo. A disposizione: Vargic, Leiva, Patric, Radu.

Marcatori: 33′ Matavz (V), 51′ Parolo (L), 57′ Linssen (V), 67′ Immobile (L), 75′ Murgia (L)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy