Udinese, Velázquez: “Nuytinck è pronto per giocare, De Paul non è ancora al 100%”

Udinese, Velázquez: “Nuytinck è pronto per giocare, De Paul non è ancora al 100%”

Il tecnico bianconero è intervenuto in sala stampa alla vigilia del match casalingo contro il Milan.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

In campo per vincere. Lo ha chiesto Julio Velázquez alla sua Udinese, che dopo il pareggio con il Genoa affronterà il Milan ritrovando tra i suoi convocati Nuytinck.

LE PAROLE DI VELÁZQUEZ

Su Nuytinck: “Se lo abbiamo convocato, significa che è pronto per giocare sia dall’inizio che a gara in corso. E’ stato fantastico nel recuperare la condizione e nell’allenarsi nell’ultima settimana. Ci sarà anche Machis, un’opportunità in più per noi, anche se è difficile che giochi dall’inizio”.

Sul dualismo Musso-Scuffet tra i pali: “La scelta di cambiare portiere (ultimamente il titolare è stato Musso, ndr) è stata presa da me e dal mio staff. Io sono soddisfatto di quanto fatto dai preparatori dei portieri con tutti i giocatori a disposizione. All’inizio della stagione ho sempre detto che avrei deciso dopo aver valutato gli allenamenti. Scuffet è un ragazzo che fa parte del gruppo. Lo stesso vale per Musso. Poi ci sono momenti diversi all’interno della stagione che possono cambiare la situazione. Non prendo decisioni per far del male a qualcuno: io penso al bene del collettivo“.

Sull’esordio di tanti giovani: “Adesso sono più pronti di prima. Per questo giocano. Ter Avest è un calciatore europeo, viene da un contesto diverso da quello di Opoku e veniva da un infortunio dal quale doveva recuperare. E’ una possibilità in più, è normale che sia più pronto. Non è l’unico: vedi anche Balic, che è entrato molto bene”.

Su De Paul: “Per me è un calciatore più da dentro il campo che da esterno. Poi il modulo è dinamico e le situazioni cambiano. Lui è un calciatore che crea problemi se è più vicino all’area avversaria; se è più lontano, aiuta di più i compagni. Dipende da chi ha a fianco. Viene comunque sempre prima la squadra. A lui bisogna dare libertà, ma non casuale. Non è ancora al 100%, può crescere ancora. Penso che il suo rinnovo sia molto positivo”.

Sulla partita e gli avversari: “Entreremo in campo per vincere e per segnare un goal in più dell’avversario. Lo faremo domani così come in ogni altra partita. Sono convinto che possiamo anche vincere domani perché ci siamo allenati molto bene questa settimana, con grande attenzione, e sono felice di quello che mi ha fatto vedere la squadra con l’ultimo pareggio. Il Milan è una squadra che ha grandi attaccanti come Higuain e Suso, ma sono forti anche in difesa. Noi dovremo lavorare bene sia con che senza la palla. Io mi fido della mia squadra e se giochiamo come ci siamo allenati questa settimana vinciamo di sicuro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy