Torino, Mazzarri: ”Djidji in forte dubbio, Meitè non ha eguali”. E su Ansaldi…

Torino, Mazzarri: ”Djidji in forte dubbio, Meitè non ha eguali”. E su Ansaldi…

Le parole del tecnico granata alla vigilia della trasferta di Ferrara

di Claudio Cutuli, @cutuli4

Terminato il mercato (avaro di emozioni per il Torino), è tempo di rituffarsi in clima campionato: domani, alle 12.30, i granata scenderanno in campo contro la SPAL. Il tecnico Mazzarri ha presentato la sfida quest’oggi in sala stampa rispondendo alle domande dei cronisti.

TORINO, LE PAROLE DI MAZZARRI

Sull’attacco granata:Il mio attacco nel mio Toro ideale? Il mio Toro ideale è quello che ha vinto contro la Sampdoria. Se lei va a vedere era una squadra equilibrata, con due attaccanti, un trequartista come tutto l’anno. Più che altro è come si interpreta la gara, le due fasi di gioco. Poi ovviamente più giocatori tecnici ci sono e più giocate si possono fare, ma non basta questo,  ci vogliono tante cose in questo calcio“.

Sulla coesistenza Zaza-Belotti:Queste scelte si fanno pensando anche all’effetto che fanno sui difensori: quando stanno bene i due attaccanti mettono in apprensione chiunque. Poi li avevamo messi a pressare la salita di uno degli stopper laterali dell’Inter. Non venivano su perché volevamo che fosse così. Adesso che giocano insieme si trovano anche di più.”

Su Meitè:La fisicità di Meité non ce l’ha nessuno. Un giocatore che fisicamente, a parte Rincon che può reggere il colpo, non ha nessuno di simile. Cosa cambia con Meité non lo posso dire, abbiamo i nostri giocatori con le loro caratteristiche, abbiamo anche Baselli che gioca bene in quelle zone lì, così come Sasa (Lukic, ndr), quindi è un giocatore importante come altri. Si dovrà comunque giocare il posto.

Su Djidji: “E’ in forte dubbio, non sta molto bene. In ogni caso ci sono Moretti e Bremer pronti all’uso. La formazione non la dico: chi ha fatto bene con l’Inter ha forte possibilità di giocare, poi vedremo domani. Non voglio dare vantaggio agli avversari.”

Su Ansaldi:L’ho già detto, lui deve solo stare bene fisicamente. Quando sta bene, è un giocatore talmente eclettico che può fare la differenza ovunque. Sia a centrocampo che sugli esterni, un giocatore che ha sia destro e sinistro, è robusto: ripeto, se sta bene è utile in tante parti del campo. Non è detto che giochi sempre a centrocampo, lo valutiamo noi.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy