Napoli, Ancelotti: “Insigne e Allan non ci saranno domani”

Napoli, Ancelotti: “Insigne e Allan non ci saranno domani”

Il tecnico dei partenopei ha presentato alla stampa il match contro il Frosinone.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby
Ancelotti Napoli 2018

È tempo di bilanci per il Napoli e per Carlo Ancelotti, che contro il Frosinone dovrà fare a meno di due totem azzurri come Insigne e Allan, entrambi fermati da problemi muscolari.

LE PAROLE DI ANCELOTTI

Tra presente e futuro:Si vuole chiudere questo momento negativo. Vogliamo focalizzarci sul secondo posto perché il nostro obiettivo è raggiungere la qualicazione in Champions. Il desiderio è di fare una bella partita con il Frosinone. Il secondo posto rimane un obiettivo che non era considerato da molti ad inizio stagione. Nessuno ci ha imposto di vincere lo scudetto o vincere la Champions League, in campionato siamo competitivi, l’unico rammarico è la Coppa Italia dove siamo usciti per colpa nostra. La mia analisi resta positiva, questa squadra mi ha fatto vedere tante cose buone nella prima parte di stagione e anche qualche limite nella seconda metà. Si va avanti ancora con più fiducia. Vedo una squadra forte, i limiti possono essere limati nella prossima stagione. Ma sono molto felice di essere qui. Ho trovato la società giusta, ho grande supporto da parte loro che fanno un’analisi positiva della stagione. Il resto sono chiacchiere. Si parla di fallimento, vedo un ambiente negativo. Vedo analisi di carattere fisico, la squadra deve correre di più per vincere, ma non è vero. Si dà un’informazione sbagliata. Il mio futuro? Sto benissimo al Napoli, queste voci che mi danno altrove non esistono. Voglio continuare a fare il mio lavoro qui, ci sono tutte le condizioni per lavorare con entusiasmo”.

Sui singoli:Insigne non c’è, ha fastidio al tendine dell’adduttore: sente ancora fastidio anche se ha provato questa mattina ad esserci. È un problema che ha già da tempo che non gli permette di fare tutte le cose che sa fare, nulla di serio ma ci vuole pazienza. Anche Allan ha un fastidio all’adduttore, derivato da un problema da sovraccarico. Recupera invece Albiol, anche se non credo partirà dall’inizio. Insigne sa come uscire da questo momento, ha avuto solo questo fastidio: non c’è nessun caso. Come si recupera Insigne? Supportandolo e mettendolo nelle condizioni ideali per esprimere tutto il suo potenziale, l’unica strada è il lavoro e la concetrazione, mi dispiace che domani non ci sarà. Insigne, Mertens e Callejon in calo? Non sono calati solo loro tre, il problema è stato di tutta la squadra che nella seconda parte è apparsa più lenta e meno aggressiva nel recuperare la palla. Bisogna tenera alta la concentrazione e gli stimoli. Mertens è una prima punta o serve altro? Mertens può giocare dappertutto, è un calciatore completo. Milik potrebbe giocare anche con un altro attaccante della stessa stazza, sa giocare anche spalle alla porta”.

Sul mercato per colmare il gap con la Juventus:Non è un gap che abbiamo avuto con la Juventus, diverse partite le potevamo gestire meglio, l’arrivo di nuovi giocatori può limare in parte questo gap, ma il lavoro fondamentale è quello sul campo, ma c’è bisogno di tempo. Mi incateno se qualche big andrà via? Non è cambiato niente rispetto a qualche tempo fa, non c’è esigenza di vendere per rafforzare la squadra. La società ha idee chiare, non terrò forzatamente chi vuole andare via”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy