Juventus, Allegri: “Chiellini e Bonucci riposano. Novità in attacco”

Juventus, Allegri: “Chiellini e Bonucci riposano. Novità in attacco”

Il tecnico bianconero ha parlato alla vigilia dell’anticipo casalingo contro l’Udinese.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby
allegri-juventus

Settimana all’insegna del chiacchiericcio mediatico per la Juventus, che si è ritrovata sulle prime pagine di tutti i quotidiani per via dell’affaire Massimiliano Allegri, dato prossimo all’esonero. Ma il diretto interessato ha approfittato della conferenza stampa pre-Campionato per smentire tali voci, soffermandosi ancora una volta sull’ottimo rapporto che lo lega alla società bianconera, e per annunciare diverse novità tattiche nell’undici titolare che affronterà domani sera l’Udinese.

LE PAROLE DI ALLEGRI

Sulle condizioni dei singoli: “Non so ancora chi sarà a disposizione. Dybala ha preso una botta, ma sta meglio. Mandžukić aveva un fastidio al tendine, ma sta meglio: si è allenato a parte come Dybala, domani dopo l’allenamento vederemo. Kean ha grosse possibilità di giocare, diciamo il 99%. In porta gioca Szczesny. In difesa Chiellini e Bonucci riposano. Douglas Costa è in netto miglioramento e potrebbe essere a disposizione per l’Atletico. Barzagli? C’è la possibilità che giochi, è fresco come una rosa: i vecchi cavalli quando devono rientrare non hanno bisogno delle corse di rientro, corrono che è una meraviglia”.

Su Cristiano Ronaldo: “Sta bene, ma non gioca: va in panchina. Non è che si è arrabbiato a Napoli. Non abbiamo fatto un bel secondo tempo, la squadra ha capito la difficoltà e ha difeso. Senza l’incomprensione tra Szczesny e Chiellini non avremmo preso neanche quel gol. La Juve ha fatto quel che doveva fare, vincendo le partite che servono per arrivare fino in fondo, poi può succedere di creare di meno in alcune partite. La settimana scorsa ho detto che se avessimo giocato subito contro l’Atlético non avremmo superato il turno, ora invece abbiamo più chance. Madrid ci aveva lasciato delle scorie, questo tempo ci ha permesso di buttarle via e siamo pronti per fare una grande gara di ritorno”. 

Sulla partita: “Dobbiamo fare altre vittorie, nonostante i 16 punti di vantaggio. Per essere tranquilli in chiave scudetto mancano sei vittorie. Domani serve una bella prestazione: contro l’Udinese bisogna vincere per preparare al meglio la gara contro l’Atlético”.

Su Agnelli: “Ci siamo visti ieri sera. Io e lui. Tutte le cose che sono state scritte in questi giorni sembravano da ‘Scherzi a parte’. Due persone mediamente intelligente, che lavorano insieme da cinque anni e che con la Juve hanno costruito qualcosa di importante, possono litigare con 16 punti di vantaggio in Campionato e agli ottavi di Champions? Ieri siamo andati a cena insieme e abbiamo deciso di parlare del rinnovo del contratto a stagione finita. Con la società siamo in sintonia anche per il futuro, ma tempo al tempo. Abbiamo parlato dei cinque anni, ora celebriamo i trofei che vinceremo e poi ne parleremo. Non ho mai detto di voler andar via e Agnelli non ha mai detto di volermi mandare via. Siamo in due e andiamo d’amore e d’accordo. Le voci sul mio conto? Mi scivolano addosso. Sono in sintonia con questa società, il mio rapporto con Agnelli è sereno e lo dimostra la cena di ieri. Una cena che facciamo tutti gli anni. Poi voi fate il vostro lavoro: la Juve è a +16 sulla seconda e agli ottavi di Champions e deve giustamente cambiare l’allenatore. Fa parte del gioco, in questi momenti mi diverto ancor di più. Se riuscissimo a vincere lo scudetto, 9 degli ultimi 10 titoli in Italia sarebbero i nostri. Per me è un divertimento”. 

Sul mancato ritiro dopo il Napoli:Non faccio il guardiano, ma l’allenatore. Il gossip ci ha fatto bene. I ragazzi sono andati a cena e hanno fatto bene, e ha portato anche fortuna perché poi abbiamo vinto. Il ritiro non è fondamentale, la mia squadra è responsabile“. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy