Juventus, Allegri: “Caceres è pronto, Rugani può giocare tante partite”

Juventus, Allegri: “Caceres è pronto, Rugani può giocare tante partite”

Il tecnico bianconero ha parlato alla vigilia della trasferta contro la Lazio.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby
allegri-juventus

La vigilia del big match contro la Lazio ha visto il gradito ritorno a Torino di Martin Caceres, alle prese con le visite mediche di rito al JMedical mentre Massimiliano Allegri intratteneva i giornalisti in sala stampa. E il tecnico bianconero non poteva che partire proprio dal dire la sua sul “nuovo” acquisto della Juventus, che domani dovrà affrontare l’ex squadra dell’uruguaiano con diversi dubbi a centrocampo.

LE PAROLE DI ALLEGRI

Tra Benatia e Caceres: Caceres non è una soluzione di ripiego. Era fortemente voluto. Benatia ha chiesto di andare via, facendo una scelta diversa dalle nostre intenzioni: Medhi è un giocatore importante che fino ai primi di dicembre aveva giocato sei partite, ma ora ha fatto una scelta, ha chiesto di andare in Qatar e la società ha accettato la sua richiesta. Tenere un giocatore controvoglia non avrebbe avuto senso. Io sono dispiaciuto, ma ha deciso così e basta. Poi abbiamo fatto una valutazione insieme alla società e Caceres ha accettato. Martin conosce l’ambiente ed è affidabile. Completa un reparto già forte e tra poco tornerà anche Barzagli. È un giocatore che conosco e che secondo me può dare molto alla Juventus. Portare qui altri profili tra imparare la lingua e capirne le condizione sarebbe stato troppo lungo. Martin è un giocatore già pronto. Quando se ne è andato, avevo detto che valeva Barzagli, Chiellini e Bonucci: può giocare tranquillamente tra i due centrali e credo che ora sia meglio così che come terzino. Martin è un positivo e questo mi rende felice”.

Sulla formazione: Se partiamo con tre a centrocampo, giocano Emre Can, Bentancur e Matuidi, e poi uno tra Bernardeschi e Douglas Costa davanti. Abbiamo Kean e Cancelo come cambi. L’unico dubbio che ho è giocare a due o a tre in mezzo al campo”.

Su Emre Can: Deve migliorare molto nei tempi di gioco davanti alla difesa, come Bentancur. Pjanic è più svelto. La palla deve girare più velocemente. Emre dà molta copertura. Ha 24 anni e tanto tempo per migliorare”.

Su Rugani: Ci sarà la conferma di una crescita di Rugani, avvenuta in questi ultimi quattro anni. Ora ha la possibilità di giocare tante partite. Ha avuto la forza di rimanere qui”.

Su Kean: Deve rimanere alla Juventus. Essere qui è la sua fortuna, perché in questo club è seguito in tutto e per tutto. Andando via può fare qualche spezzone in più, ma perde sicuramente il suo percorso di crescita. I giovani vanno accompagnati in un percorso. Dire che Kean fa gol è naturale perché è una sua qualità, ma dire che può essere pronto per giocare da un’altra parte è da vedere. Andare via sarebbe secondo me una scelta sbagliata. Spero per lui di averlo convinto”.

Tra Pogba e Morata: Credo che sia molto difficile che Paul torni alla Juventus, mentre se Alvaro va all’Atletico lo troveremo contro, se non ci andrà ne troveremo un altro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy