Inter, Spalletti: “Icardi o Lautaro? È la partita di tutti e due”

Inter, Spalletti: “Icardi o Lautaro? È la partita di tutti e due”

Il tecnico nerazzurro ha parlato alla stampa alla vigilia del delicato match contro l’Empoli.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

La qualificazione dell’Inter alla prossima Champions League passa per l’ultima avvincente gara contro l’Empoli, che a sua volta è bisognoso di raccogliere punti utili per rimanere ancorato alla Serie A ed evitare la retrocessione. Luciano Spalletti non è nuovo a queste gare da dentro o fuori e domani sera proverà a infondere coraggio ai nerazzurri.

LE PAROLE DI SPALLETTI

Tra passato e presente:Ci sono tanti punti di contatto tra l’ultima gara dell’anno scorso e quella di quest’anno perché ha la stessa importanza e di conseguenza, quando si arriva in un confronto in cui si è dentro o fuori, è chiaro che l’attesa è al massimo per realizzare il risultato che vorresti. Come carico è un carico emotivo importante, ma ci siamo un po’ abituati. Io poi non c’è stato un campionato in cui sono arrivato tranquillo alla fine. Quando allenavo la Roma abbiamo fatto sei finali contro l’Inter e anche lì ci sono state situazioni analoghe. Secondo me la squadra ha avuto gli insegnamenti giusti in questi due campionati per arrivare preparata a questo confronto, in funzione della carica emotiva che ti può mettere addosso”.

Sulla partita: “Si passano varie fasi in un campionato e l’Empoli ora sta bene. E’ chiaro che la posta in palio annulla tutto il percorso precedente. Ci puoi arrivare come ti pare, ora sei davanti a questo obiettivo e devi essere nelle condizioni di esibire il tuo marchio, il meglio di te stesso”.

Tra Icardi e Lautaro Martinez: “Non c’è un solco in queste differenze perché, anche entrando nei particolari, non si ha una linea di demarcazione importante ma solo sfumature. È la partita di tutti e due, è una partita dove tutti e due hanno il carattere e la personalità per andare a incidere sullo scorrimento della partita perché sono forti nella testa oltre che sul campo, hanno un modo di pensare giusto di agire. Da un punto di vista delle potenzialità, hanno le stesse per poter mettere il timbro sullo scorrimento della partita”.

Sui recuperati: “De Vrij è a disposizione, anche Politano lo è, stiamo quasi tutti molto bene. C’è qualche situazione che questo campionato ti costringe a subire, ma sono cosettine gestibili. Se ho un nome che merita rimanere all’Inter? In molti e domani sera ci siamo tutti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy