Inter, Spalletti: “Icardi non convocato, Vecino micidiale da trequartista. Su Nainggolan…”

Inter, Spalletti: “Icardi non convocato, Vecino micidiale da trequartista. Su Nainggolan…”

Le parole del tecnico nerazzurro alla vigilia della sfida contro la Lazio

di Claudio Cutuli, @cutuli4

Sosta agrodolce per l’Inter di Spalletti: la pausa per le Nazionali ha presentato un conto salato, con De Vrij e Lautaro Martinez costretti a fermarsi per problemi muscolari. Nella consueta conferenza stampa di presentazione il tecnico ha anche chiarito le situazioni inerenti a Icardi e Nainggolan, col primo non convocato ed il secondo convocato anche se ancora non al top della forma.

INTER, LE PAROLE DI SPALLETTI

Su Icardi: “L’ho trovato come se fosse un calciatore nuovo. Si è allenato e per certi versi deve ancora essere reinserito bene nei meccanismi. Visto tutto quello che è successo in questo periodo è giusto che per questa partita non possa essere in grado di aiutare i compagni. Per domani, quindi, non è convocato”.

Su Vecino: “Ha fatto bene da trequartista, aver fatto subito gol lo ha aiutato. Ma sono contento della sua prestazione, è stato più libero di accompagnare l’azione dritto per dritto in area di rigore. E’ una sua qualità, ha messo in difficoltà il Milan e averlo ritrovato nel pieno della forma lascia presagire bene per il futuro”.

Su Nainggolan: “E’ convocato, però ha bisogno di allenarsi con la squadra ed alzare il ritmo per rendere al massimo”.

Sulla sosta: “In questa settimana non siamo stati molto fortunati. La nostra rosa però è ampia e quelli che prenderanno il posto degli infortunati saranno all’altezza. Ranocchia quando chiamato in causa ha fatto bene, ha un’eccellente condizione fisico-mentale. Davanti, ovviamente, qualche problemino c’è, ma le soluzioni che abbiamo ci porteranno a cogliere l’obiettivo dei tre punti”.

Sul dialogo Nazionali-club: “Ci sono esigenze da parte delle Federazioni, quello che diventa fondamentale è che i calciatori convocati abbiano un dialogo aperto con il mister e con i dottori delle Nazionali. C’è bisogno di collaborazione, noi muscolarmente non eravamo così puliti ed alcuni giocatori avevano messo in preventivo il dosaggio di minuti nelle gare ravvicinate in Nazionale”.

Su Esposito:“Lo abbiamo convocato e fatto esordire, è molto giovane anche se ha una spiccata personalità e sa cosa fare dentro l’area di rigore. Dobbiamo metterlo in condizione di creare quel guscio che poi serve per diventare campioni. E’ tutto sulla corretta strada, ma gli ci vuole un po’ di tempo ancora”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy