Casa Fiorentina: Vecino e Chiesa super, delude Babacar. Tello rischia il posto?

Casa Fiorentina: Vecino e Chiesa super, delude Babacar. Tello rischia il posto?

Report del venerdì: tutte le ultime news dalla sede viola.

di Tommaso Pierpaoli

Con le vittorie conquistate contro Palermo e Qarabag il clima in casa viola può finalmente tornare sereno dopo le critiche piovute sulla squadra in seguito alle sconfitte contro PAOK e Inter. La vittoria per 2-1 contro i rosanero domenica sera ha riportato la squadra di Paulo Sousa alla vittoria casalinga che mancava in campionato da due mesi e mezzo (Fiorentina-Roma 1-0). Lunedì dovrà provare a ripetersi, al Franchi arriverà il Sassuolo di Di Francesco.  Per allontanare definitivamente ogni critica la Fiorentina si è imposta ieri sera per 1-2 in casa del Qarabag assicurandosi il passaggio ai sedicesimi di Europa League come prima del girone. In particolare nella partita contro gli azeri si è messo in mostra il baby Federico Chiesa, firmando prima il gol vittoria e facendosi poi espellere per doppia ammonizione. Espulsione però che non cancella una prestazione di buona qualità del giovane gigliato che da ora in poi potrebbe essere preso sempre più in considerazione dal tecnico portoghese.

FIORENTINA: REPORT ALLENAMENTI

Lunedì solo di rifinitura per i ragazzi di Sousa che hanno poi partecipato ad un evento andato in scena al museo degli Uffizi. La squadra è tornata ad allenarsi martedì con una seduta incentrata principalmente sulla tattica e parte atletica. Il giorno dopo partenza per Baku e rifinitura nello stadio della capitale azera per preparare al meglio la gara di giovedì. Il tecnico viola per quest’ultima partita del girone J di Europa League ha potuto contare sul gruppo al completo.

FIORENTINA: REPORT EUROPA LEAGUE

RISULTATO:  Qarabag-Fiorentina 1-2

Come da pronostico la Fiorentina passa ai sedicesimi di finale di Europa League battendo il Qarabag per 1-2 a Baku. Per i padroni di casa c’era in palio la seconda piazza e una qualificazione da difendere dal ritorno del Paok che con la vittoria proprio contro i viola aveva agganciato la squadra azera a quota 7 punti. Alla Viola sarebbe bastato un pareggio per consolidare il primato. Buona la partenza con Astori che già all’8′ va vicino al vantaggio con una girata di testa su punizione di Bernardeschi. La Fiorentina inizialmente comanda il gioco e quando il Qarabag decide di alzare i ritmi, la squadra di Sousa è abile nel ripartire in contropiedie e cerca di sfruttare le palle inattive. Come al 30′ quando Vecino sfiora la porta con una punizione pericolosa. Due minuti dopo sono i padroni di casa a rendersi pericolosi con Ndlovu, che innescato da un lancio lungo proveniente dalla difesa, a tu per tu con Tatarusanu colpisce il palo. E’ decisiva una leggera deviazione del portiere rumeno. Il conto dei pali viene pareggiato al 36′ da Bernardeschi che vede respingersi dal legno una bella girata di sinistro, in seguito a una grande discesa sulla sinistra di Maxi Olivera. Nel secondo tempo il tecnico cambia uno spento Babacar per Kalinic e la Fiorentina crea di più e gestisce meglio la gara. Al 15′ Vecino porta in vantaggio i suoi con un gran tiro da fuori area su appoggio proprio dell’attaccante croato. Il Qarabag non molla e al 28′ ,sfruttando una dormita della difesa ospite, trova il gol del pari con Reynaldo che batte in diagonale Tatarusanu. Al 31′ arriva il gol vittoria viola e la firma porta il nome di Federico Chiesa, che al termine di una mischia in area di rigore, insacca di testa e condanna il Qarabag all’eliminazione. Il giovane talentino viola però viene espulso qualche minuto dopo per aver ricevuto il secondo giallo della sua gara. Serve a poco il forcing finale degli azeri che non trovano il gol per un pareggio che non sarebbe comunque stato sufficiente ai padroni di casa,a causa della contemporanea vittoria del Paok.

Paulo Sousa al termine della gara: Il nostro primo obbiettivo è fare più gol degli avversari e oggi ce l’abbiamo fatta. Loro sono stati un buon avversario, ho fatto i complimenti al mio collega perché hanno giocato bene. La squadra sta facendo dei passi in avanti e anche oggi l’abbiamo dimostrato, volevamo prenderci il primo posto e l’abbiamo fatto. La squadra sta continuando a consolidare quanto di buono sta facendo nelle ultime settimane. Su Chiesa: Tutti i giocatori lavorano al massimo per arrivare a fare una carriera di livello, sono contento per lui perché è un ragazzo sul quale non ho dubbi, sta consolidando il suo percorso di crescita. Il sorteggio spero che sarà più favorevole. L’ingresso di Borja Valero ci ha dato freschezza, lui conosce molto bene i nostri tempi, tutta la squadra ne ha beneficiato”.

FANTAPILLS

fantapills_02, napoli, sampdoria,

Vecino sembra essere tornato a pieno regime, contro il Qarabag ha creato tanto, ha segnato, ha coperto e ha impostato, è stato un centrocampista completo che ha dato l’idea di essere tornato quello di un tempo. Se dovesse confermare prestazioni di questo tipo e riuscisse a lasciarsi definitivamente alle spalle i problemi di inizio stagione, tornerebbe senza dubbio una pedina preziosissima per il centrocampo.

Chiesa: Il figlio d’arte viola sta bruciando le tappe, adesso è arrivato anche il gol. La fiducia di Sousa non manca ed è testimoniata dall’abbraccio fra i due dopo la marcatura. La sensazione è che questo ragazzo possa iniziare a trovare spazio anche in campionato, dove potrebbe farne le spese Tello, quest’anno quasi sempre assente dal gioco della squadra e le cui prestazioni raramente hanno superato la sufficienza.

Maxi Olivera: Anche lui una bella sorpresa europea: ottimo in fase di spinta, qualcosa da rivedere in fase di copertura al pari del resto della difesa. Ma anche lui sta crescendo e si vede, potrebbe avere qualche marcia in più rispetto a Milic, che nelle ultime giornate non appare sempre al 100%.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy