Atalanta, Gasperini: “Rimangono fuori De Roon e Gosens”

Il tecnico dei bergamaschi ha presentato il terzo match di Champions League contro il Liverpool.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Dopo i due stop consecutivi, l’Atalanta ha ritrovato i tre punti in campionato e ora Gian Piero Gasperini spera di poterli strappare anche in Champions League domani sera, anche se di fronte ci sarà il temibile Liverpool di Klopp.

LE DICHIARAZIONI DI GASPERINI

Su Klopp e il Liverpool: “È un riferimento per tutti gli allenatori, è un motivo di prestigio giocare contro il Liverpool. Il rammarico rimane la mancanza di pubblico, anche nella partita fuori casa. Sentire il loro inno sarebbe stato una grandissima emozione. Se dovranno pensare a come difendersi. Questo è alla base delle squadre più offensive, sia noi che loro. La base parte sempre dal saper riconquistare la palla per poi proporsi, credo che questa sia l’essenza. I complimenti di Klopp ci fanno piacere. Arriviamo alla partita di domani con l’intenzione di poterci misurare con i migliori del mondo e d’Europa, vedremo qual è il nostro livello di fronte a queste squadre. Per noi è un test di prestigio”.

Sugli infortunati: “Non ci sono situazioni diverse, rimarranno fuori De Roon e Gosens. Abbiamo possibilità di recuperare un po’ tutti, perché non ci sono particolari lesioni. Le ultime valutazioni le faremo domani, ma Hateboer, Palomino e Romero hanno possibilità di recuperare”.

Sul calendario: “Queste prossime gare saranno fondamentali, ma ora affrontiamo la squadra più forte del girone. Per noi sarà importante fare punti per avvantaggiarci sull’Ajax, ma questa è teoria. Le partite vanno giocate tutte, ogni gara è importante”.

Sulla difficoltà della gara: “Sono d’accordo, non sarà una partita semplice. È una squadra fortissima, ma credo che anche per la loro difesa non sarà facile. Se riusciremo a sviluppare il nostro gioco, possiamo fargli male. Il livello di difficoltà è simile, sono due squadre che si avvicinano molto nei valori. Hanno però dei modi differenti di giocare. Per noi è un’opportunità per misurarci con i migliori per capire quanto siamo competitivi. Abbiamo acquisito delle esperienze che sono diventati utili anche in campionato. Nel calcio non sempre i più forti vincono, anche se sei meno forte riesci a fare risultato. È quello che ci aspettiamo di fare”.

Sulla formazione: “La formazione potrò stabilirla domani mattina, la difficoltà sarà dovuta soltanto all’immediatezza della gara, ma non ci sono infortuni pesanti. Snaturarci? Lo tolgo da ogni tipo di pensiero, siamo arrivati a giocarci questa competizione dopo un lungo percorso. Mi sembra improbabile snaturare il nostro modo di giocare”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy