Casa Udinese: finisce 2-2 il primo test in famiglia

In gol Thereau, Matos, Lodi (su rigore) e Perica sotto gli occhi del nuovo allenatore Iachini.

di Mauro Miani, @mauromiani90

La prima prima sgambata dell’anno si conclude in perfetta parità: 2-2 tra i gialli e neri. Impegno chiaramente poco probante, ma utile al neo tecnico per le prime indicazioni.

LE FORMAZIONI E LA GARA

GIALLI (3-5-2): Scuffet; Samir, Danilo, Bunjic; Widmer, Fofana, Lodi, Kone, Armero; Matos, Zapata

NERI (3-5-2): Perisan; Serafin, Angella, Felipe; Edenilson, Evangelista, Iniguez, Jankto, Gabriel Silva; Thereau, Perica

Pareggio nel primo test in famiglia tra le due formazioni miste scelte da mister Beppe Iachini per i due tempi da 30 minuti disputati sul campo 2 del centro sportivo Dino Bruseschi. Il primo gol stagionale in amichevole lo ha marcato Cyril Thereau in tap-in su assist di Perica su indecisione di Scuffet. Pronta la risposta dei “gialli” che dopo due minuti trovano l’inzuccata di Matos sul cross di Widmer, sfiorando anche il vantaggio creando altre occasioni, su tutte l’incrocio dei pali colpito su una punizione da Lodi, palla resa ancora più velenosa da una deviazione della barriera.
Nella ripresa al quarto d’ora Matos sfonda in area e viene atterrato: rigore trasformato con precisione da Lodi. I “neri” riportano il match in parità con Perica che incorna il cross, da calcio d’angolo, di Guilherme per il definitivo 2-2.

LE PAROLE DI IACHINI

Mister Iachini, al termine del test, ha raccontato le sue impressioni ai microfoni di Udinese Tv:

Sono soddisfatto per la settimana lavorativa, ma è chiaro che c’è ancora tanto da fare. I ragazzi in queste settimane hanno ricevuto tante nozioni, strada facendo miglioreremo nella velocità di reparto, nella tattica individuale, nella velocità nel muovere la palla e in tutto quello che proviamo in settimana. A questo ovviamente si unisce il lavoro fisico che si fa sentire sulle gambe, abbiamo tempo e modo per arrivare dove vogliamo con efficacia”.

“La mentalità dev’essere quella di proporre gioco, dobbiamo prendere noi in mano la partita sia in casa che fuori casa. Rispettiamo l’avversario ma l’idea su cui lavorare è questa, dovremo fare tanto lavoro per essere efficaci e incisivi”. 

Fofana? “E’ un ragazzo che ha delle caratteristiche interessanti che riusciremo a sviluppare col tempo. Deve chiaramente adattarsi al calcio italiano, affrontiamo un campionato dove la tattica è importante, sa benissimo che deve crescere in questo senso. Così come tutti i suoi compagni, proveremo a essere perfetti, curando il particolare e migliorando giorno dopo giorno”.

I MIGLIORI

Fofana: La prima impressione è buonissima, gran fisico e ottima facilità di corsa.

Kone: In questa prima sgambata si è visto un giocatore completamente differente da quello visto le scorse stagioni, che sia lui il miglior acquisto del 2016?

Matos: Probabilmente il fisico longilineo lo aiuta in questo inizio di stagione, ma è stato a tratti imprendibile.

I PEGGIORI

Scuffet: Brutta l’indecisione da cui nasce il gol di Thereau.

Zapata: La forma fisica è ancora lontanissima, e senza quella il colombiano fatica tantissimo.

LA SINTESI DELLA GARA


fonte udinese.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy