Conferenza Torino – Mihajlovic: “Belotti è il nostro bomber. N’Koulou? Giocherà”

Mister Sinisa Mihajlovic introduce il match d’esordio del nuovo Campionato 2017/2018 che vedrà il Torino affrontare il Bologna al Dall’Ara. Molti gli spunti che si possono trarre dalle sue parole, dalla titolarità del neo-acquisto N’Koulou alla soddisfazione di essere riusciti a trattenere il Gallo Belotti.

di Elisabetta Favilli, @relawen

Finalmente ci siamo, finalmente è arrivato il giorno dell’esordio nel Campionato targato 2017/2018 e, come sarà consuetudine da qui a maggio, Sinisa Mihajlovic ha introdotto la partita che vedrà il Torino scontrarsi contro il Bologna di Donadoni al Dall’Ara. Le due squadre hanno vissuto il pre-Campionato in modo totalmente differente: mentre il Bologna, semi immobile sul mercato, ha faticato nelle varie amichevoli fino a subìre la pesante sconfitta in Coppa Italia contro il Cittadella, il Torino ha posto le basi di quella che dovrebbe essere l’annata dell’agognato ritorno in Europa. 

MIHAJLOVIC SULL’ESORDIO CONTRO IL BOLOGNA

Il Torino sta bene. Il lavoro dell’anno scorso è servito: in campo i ragazzi si intendono bene. Abbiamo fatto un buon ritiro e una buona partita in Coppa Italia. Domani però sarà difficile. Il fatto che il Bologna abbia perso in Coppa Italia non deve illuderci, erano rimasti in dieci dopo pochi minuti. Avranno ancora più rabbia nel riscattarsi. Sono una buona squadra con un ottimo allenatore. Sarà una partita aperta. Nessuno vuol perdere la prima giornata: tutti vorrebbero vincere. Per noi è una partita importante perchè abbiamo un calendario iniziale con partite alla nostra portata. Dovremo cercare di vincere questa partita e col Sassuolo, poi c’è la sosta, per recuperare gli infortunati e sistemarci.”

MIHAJLOVIC SULL’IMPIEGO DEI NUOVI ACQUISTI

“Di solito i giocatori appena arrivati soffrono molto i carichi di lavoro. Non è facile per loro e bisogna dare il tempo di abituarsi, per cui non dovrete stupirvi se domani in pochi nuovi partiranno dall’inizio.”

MIHAJLOVIC SU ANDREA BELOTTI

“Non è stato facile trattenere Belotti. Sono arrivate anche offerte importanti, ma il presidente ha sempre detto che senza i cento milioni non si muove. Anche per il ragazzo non è stato facile, poi ha capito che quella cifra difficilmente sarebbe stata tirata fuori da qualcuno, ma a lui rimanere fa piacere. Lui è il capitano e il nostro bomber. Qui tutti gli vogliono bene e sa quanto io lo stimi. La forza di questo Torino però non è solo Belotti ma il gruppo. Da soli non si va da nessuna parte. I giocatori forti si esaltano se sono all’interno di un gruppo forte. Noi siamo tutti contenti che lui rimanga: il mercato non è finito, ma ormai si può dire che rimanga. Io al posto del presidente avrei accettato certe offerte; lui è stato tosto e bisogna dargliene atto. Io lo ringrazio. Trattenere Belotti, insieme al mercato che abbiamo fatto, è importante. Abbiamo preso giocatori di indubbio valore e giovani importanti. Poi è chiaro che arrivano a volte prime scelte, a volte le seconde. Ringrazio la società e il presidente per tutto quello che ha fatto e che farà.”

MIHAJLOVIC SU ADEM LJAJIC

“E’ un ragazzo intelligente e sa che se non siamo andati in Europa ha le sue responsabilità. Ora sta bene, è un giocatore importante. Per quest’anno, comunque, voglio risposte da tutti. Non voglio fare due campionati diversi, tra casa e trasferta. Quest’anno sappiamo cosa non dobbiamo ripetere, siamo avvantaggiati. Quello che mi auguro per quest’anno è non avere tanti infortuni contemporanei in uno stesso reparto. L’anno scorso, a un certo punto, avevamo tutti gli attaccanti fuori. Per il resto non dobbiamo ripetere atteggiamenti sbagliati, come fatto proprio l’anno scorso a Bologna. Sono fiducioso, per domani. Io non chiedo ai ragazzi di vincere per forza. Abbiamo tanto insistito sui principi di gioco e quelli morali: creare una cultura di lavoro, non mollare mai. Credo che, se dovessimo fare delle brutte figure, non lo perdonerei ai ragazzi. Vorrebbe dire che abbiamo buttato un anno di lavoro.”

MIHAJLOVIC SULLA DIFFERENZA DI RENDIMENTO CASA-TRASFERTA

“Noi abbiamo il nostro modo di giocare, e tale rimane sempre. Io voglio una squadra che sappia produrre occasioni da gol e che in zona gol sia cattiva, concreta. Bisogna giocare in attacco, sapendo che giocando così rischi qualcosa dietro; e allora proprio per questo, quando ci sono le occasioni, bisogna approfittarne. Abbiamo un’identità, che è sempre quella dell’anno scorso. Quello che dobbiamo fare, è avere più equilibrio e avere lo stesso rendimento in casa e fuori.”

MIHAJLOVIC SULLA DIFESA

“Abbiamo preso N’Koulou, Lyanco, Bonifazi. E poi abbiamo giocatori esperti e giovani promettenti. Purtroppo domani non avremo Lyanco, frenato dall’operazione alle tonsille. N’Koulou ha giocato subito in Coppa Italia perchè, con tutto il rispetto, non era un avversario di Serie A. Ha fatto altri sette giorni di lavoro, è intelligente e applicato. N’Koulou giocherà, poi è chiaro che non è ancora ben collaudato con gli altri, ma migliorerà solo giocando. Abbiamo iniziato a marcare a zona, ma durante il campionato sapremo cambiare: a volte marcheremo a zona, a volte a uomo, a volte in zona mista. Dovremo sorprendere gli avversari. Cambieremo sempre a seconda degli avversari e a seconda di quello che potrà essere buono per noi. Marcare a zona ha i suoi pregi e difetti: al momento i ragazzi si trovano bene e continueremo così, ma durante il campionato cambieremo qualcosa. L’importante è sapere sempre cosa si vuol fare.”

MIHAJLOVIC SU SADIQ

“Quando si abituerà ai carichi di lavoro, potrà fare bene se non ci sarà Belotti. Ha tutto: fisico, velocità, non ha paura. E’ un giocatore che a me piace.”

MIHAJLOVIC SULLA POSSIBILE PARTENZA DI ACQUAH

“Io dico sempre che non è bello che ci sia il mercato a campionato in corso; comunque Acquah lo vedo bene, concentrato. Non so se andrà via, ma domani se giocherà farà la sua partita e non sarà condizionato. Lui da quel punto di vista è un esempio di applicazione.”

MIHAJLOVIC SULLA NON CONVOCAZIONE DI DANILO AVELAR

Abbiamo Molinaro e Barreca, lui al momento è il terzo. Poi ha fatto un buon ritiro. L’ho anche provato come difensore centrale. In futuro lo vedo in quella posizione: secondo me lo può fare perchè ha tutto. Può fare una bella carriera in quella posizione. In questo momento lo stiamo impostando così, ma ci vorrà ancora tempo per fargli capire bene tutto. Io lo vedo più come centrale. Può fare il difensore centrale, ecco perchè in difesa possiamo essere a posto così. Gli mancano ancora due settimane di lavoro per capire bene il ruolo, ma poi non ci saranno problemi.

MIHAJLOVIC SULLE CONDIZIONI DI BASELLI

Ha un problema al ginocchio: non si è allenato con noi questa settimana. Se non sarà possibile recuperarlo per il Sassuolo, lo faremo durante la sosta. Questo riguarda lui, come Boyè, Valdifiori. Quello che mi consola è che sono tutti infortuni traumatici, non problemi muscolari. Significa che i ragazzi hanno lavorato bene, metabolizzando i carichi di lavoro.”

MIHAJLOVIC SU RINCÓN

È convocato, vediamo domani se giocherà”.


Fonte: toronews

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy