Conferenza Torino – Mazzarri: “Ljajic titolare? Non ho ancora deciso. Belotti ha 10-20 minuti nelle gambe”

Conferenza Torino – Mazzarri: “Ljajic titolare? Non ho ancora deciso. Belotti ha 10-20 minuti nelle gambe”

Il tecnico granata ha presentato il match casalingo contro il Benevento in programma domenica alle 15:00.

di Elisabetta Favilli, @relawen

Tutto pronto in sala stampa per l’arrivo di Walter Mazzarri, chiamato ad introdurre lo scontro contro il Benevento all’Olimpico Grande Torino. Si tratta di un match sulla carta semplice, contro una squadra inferiore, ma che quest’anno non deve rischiare di essere presa sottogamba visti i tanti punti persi contro le “piccole”.

MAZZARRI SU BELOTTI

Belotti è carico e non vede l’ora di rientrare. Oggi lo voglio vedere nella partitella, che giocheremo in modo intenso. A fine partita parleremo, ci diremo a vicenda le sensazioni e vedremo cosa succederà domani. Se verrà in panchina vuol dire che ha 10-20 minuti sulle gambe. Belotti è un giocatore top, quando rientrerà sarà un valore aggiunto per noi. Nel frattempo, come allenatore, ho il dovere di cercare di fare risultato con i giocatori che ho a disposizione. Non mi sentirete, però, fare slogan tipo “Il vero acquisto sarà Belotti”. Io sono uno che evita gli slogan e cerca di fare i fatti.”

MAZZARRI SU LYANCO, EDERA E BARRECA

Lyanco ha almeno una ventina di giorni di stop ancora, Edera è più vicino al rientro anche se non è ancora a disposizione. Barreca è in gruppo. Quindi ora entrano in gioco le scelte mie, sulla tenuta dei giocatori.”

MAZZARRI SULLE CONDIZIONI DI BARRECA

“E’ rientrato, anche se non ha i novanta minuti. Per me è importante che i ragazzi imparino la tattica. Io l’avevo già visto giocare, ha ottime prospettive ma deve migliorare la fase di non possesso. Per il resto, è un giocatore che mi piace molto, davvero”.

MAZZARRI SU ANSALDI

“Ansaldi sta bene, ha caricato molto ultimamente e si vedeva che non si allenava da un po’: non ha ancora i novanta minuti nelle gambe, anche se è a disposizione. Abbiamo solo tre cambi: a me piacerebbe di più ce ne fossero quattro, ma avendone tre non puoi rischiare di avere più giocatori in campo dall’inizio che non abbiano i novanta minuti. Altrimenti rischi di fare cambi forzati. E’ un motivo in più per non rischiare ragazzi che facilmente non hanno i novanta nelle gambe. Per quello con Ansaldi potrei andare cauto, perché altrimenti è un giocatore che se sta bene, gioca”.

MAZZARRI SUL MODULO

“Io cerco di mettere in campo la squadra con il modulo che è più congeniale ai giocatori. Detto questo, passando mesi insieme sarò più sicuro nel dare indicazioni alla società per fare una rosa più consona alle mie idee. Comunque se ricordate il primo Mazzarri alla Reggiana faceva il 3-4-3, con tre attaccanti. Non è un problema fare altri moduli. Io ho fatto tanti moduli, in attacco ho giocato con il trequartista, con due punte. Si può giocare in vari modi. L’importante è che i giocatori siano pronti, duttili, e che giochino per la squadra.” 

MAZZARRI SU LJAJIC

“Non vorrei che i ragazzi fossero distratti dal mercato. Non voglio lasciare punti per strada perchè i giocatori sono distratti. Non vedo l’ora che finisca il mercato. Ora dobbiamo tutti pensare al Benevento. Oggi faremo la partitella e valuterò le scelte che farò domani, quindi non so ancora dire se Ljajic giocherà dall’inizio, devo ancora valutare”.

MAZZARRI SUL RUOLO DI LJAJIC

Se un giocatore è bravo, una collocazione gliela trovo. L’importante è che ci sia, di testa e di fisico, e che si metta a disposizione. Il ragazzo si comporta benissimo, si allena bene, non ho nulla da dire per il momento su di lui”.

MAZZARRI SUL MERCATO

“Penso che possiate capire che arrivando il 3 gennaio, ho dovuto conoscere i giocatori. Insieme alla società abbiamo deciso che è meglio conoscere bene i giocatori piuttosto che fare mosse affrettate. Ecco che, nei prossimi mesi, potrò conoscere meglio i giocatori e dare indicazioni più precise in vista di gennaio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy