Casa Torino: Niang scalpita, panchina per Berenguer? Dubbi sul recupero di Baselli

Mercato chiuso e testa tutta al Benevento per dare continuità alla convincente prestazione vista contro il Sassuolo. L’ultimo giorno di mercato ha regalato a Sinisa Mihajlovic Cristian Ansaldi e M’Baye Niang, suo pupillo ai tempi del Milan: se per l’ex Inter appare improbabile vederlo subito con la maglia granata, il francese insidia prepotentemente Berenguer per partire dall’inizio in una partita che sulla carta è abbordabile.

di Elisabetta Favilli, @relawen

Anche per quest’anno si è conclusa la sessione estiva di calciomercato. Il ds Petrachi ha lavorato notte e giorno alla ricerca degli ultimi tasselli da regalare alla rosa di Sinisa Mihajlovic e, nell’ultimo giorno di mercato, ha imbastito il doppio arrivo di Cristian Ansaldi e M’baye Niang, vecchio pallino del mister serbo dai tempi del Milan. Il vero colpo, però, è essere riusciti a confermare il Gallo Belotti nonostante molte big avessero messo gli occhi su di lui e sembrassero intenzionate a pagare la clausola monstre che il presidente Cairo ha inserito nel contratto del bomber bergamasco. Ora non sono ammesse distrazioni e la testa deve essere indirizzata solo al match contro il neo-promosso Benevento, ottima occasione per dare continuità alla convincente vittoria maturata contro il Sassuolo.

TORINO: REPORT INFORTUNATI E SQUALIFICATI

Daniele Baselli: la sofferenza al compartimento laterale del ginocchio destro lo ha costretto nel corso della settimana a svolgere ancora lavoro differenziato. Sinisa Mihajlovic conta di poterlo recuperare, ma un suo impiego dal 1′ al momento appare improbabile.

Mirko Valdifiori: è alle prese con una distorsione al compartimento laterale del ginocchio sinistro, al massimo contro il Benevento andrà in panchina.

Lucas Boyè: stessa situazione anche per l’argentino la cui lesione al legamento del ginocchio destro non appare completamente passata e al massimo ambirà ad essere convocato per la panchina.

Squalificati: nessuno.

TORINO: REPORT FORMAZIONE E BALLOTTAGGI

Il modulo sarà l’ormai consolidato 4-2-3-1 composto da Sirigu tra i pali, la coppia Moretti e N’Koulou al centro sostenuti dagli esterni De Silvestri e Barreca. Lyanco è ormai recuperato dal problema alle tonsille ma per il momento è ancora Moretti in vantaggio per una maglia dal 1′ salvo sorprese. Bonifazi e Burdisso in panchina così come Ansaldi, arrivato da solo una settimana. Molinaro tenta di insidiare il giovane Barreca ma “squadra che vince non si cambia” e pertanto l’ex Primavera appare in vantaggio nel ballottaggio. A centrocampo con tutta probabilità saranno confermati Rincon e Obi, con Acquah che partirà inizialmente dalla panchina così come Baselli qualora riuscisse a recuperare dall’infortunio. In avanti ci saranno le certezze Iago Falque e Ljajic con il dubbio Berenguer fortemente insidiato da Niang: al momento appare leggermente in vantaggio lo spagnolo ma non è detto che l’ex rossonero non possa spuntarla ed esordire da subito in maglia granata. Al centro dell’attacco inamovibile il Gallo Belotti nonostante la prestazione opaca offerta con la maglia della nazionale contro Spagna e Israele.

Probabile formazione Torino (4-2-3-1): Sirigu; De Silvestri, N’Koulou, Moretti, Barreca (Molinaro); Rincon, Obi (Acquah); Iago Falque, Ljajic, Berenguer (Niang); Belotti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy