SPAL: il centrocampo ai raggi X

L’avvio è stato esaltante e sorprendente! Il club spallino può contare su una formazione compatta e solida. Il centrocampo è senza alcun dubbio il reparto più importante, con giocatori diversi tra loro, ma da cui Semplici pretende sempre il massimo. Ma come si stanno comportando questi giocatori?

di Matteo Previderio

Rivoluzionare la formazione tra una stagione e l’altra non sempre porta dei benefici. Lo sa bene la SPAL, che, dopo la salvezza ottenuta lo scorso campionato, ha scelto di intervenire sul mercato il minimo indispensabile rimpiazzando solo ed esclusivamente i giocatori ceduti. Tutto sommato pare che questa politica stia portando i propri frutti. In questo articolo, analizzeremo il centrocampo del club spallino, dai giocatori più importanti, a quelli meno utilizzati.

CENTROCAMPO SPAL: CHI SALE

MANUEL LAZZARI

La questione che non sia ancora un top del nostro campionato è legata solo al fatto che, per motivi a noi sconosciuti, non abbia ancora avuto la possibilità di confrontarsi con una grande squadra. Sì, perché il giocatore ammirato in queste prime 12 giornate, merita la grande occasione. Una fanta-media del 6,91 e ben 4 assist realizzati, fanno di Lazzari uno degli uomini migliori di questa squadra e, di conseguenza, uno degli esterni più interessanti della nostra Serie A.

SIMONE MISSIROLI

12 partite da titolare su 12! Una fanta-media del 6 spaccato! Chi al suo acquisto nutriva dei dubbi, dovrà ricredersi. Perché il Missiroli di questa prima parte di stagione, è sicuramente − dopo Lazzari − il giocatore a cui mister Semplici non rinuncia mai. L’esperienza al Sassuolo ha completato questo centrocampista, che in ogni partita dimostra sempre più una maggiore affidabilità. Aspettando qiualche bonus..

JASMIN KURTIC

Dopo Lazzari, è il centrocampista con la fanta-media migliore − 6,57 − e soprattutto, l’unico giocatore in questo reparto ad aver realizzato un gol. Nonostante un grave infortunio, che l’ha costretto a saltare ben 5 gare, lo sloveno è comunque riuscito a non perdere posizioni nelle gerarchie, anche grazie allo scarso rendimento di chi aveva preso il suo posto.

CENTROCAMPO SPAL: TITOLARI (MA NON TROPPO)

PASQUALE SCHIATTARELLA

Leonardo Semplici gli ha ritagliato un ruolo diverso rispetto alla passata stagione. Infatti, il buon Pasquale, specialmente nelle partite in cui era fondamentale una maggiore copertura in aiuto alla difesa, è stato impiegato nel ruolo di mediano. I risultati si vedono, soprattutto dai cartellini gialli rimediati − ben 5 − a conferma del ruolo chiave che occupa in campo. Purtroppo, oltre alle sanzioni, anche la non perfetta forma fisica incide molto sulla sua appetibilità al Fantacalcio.

MOHAMED FARES

Se riuscisse a concludere in maniera accettabile quanto di buono fa nel preparare l’azione, sarebbe un laterale di centrocampo più che affidabile. Purtroppo però, i suoi affondi sulla corsia terminano con un nulla di fatto, tra le lamentele dei tifosi. L’impegno non manca mai, sia chiaro, ma per un giocatore con le sue caratteristiche, non regalare neanche un assist ai propri compagni, è davvero poco. Più che giustificato il ballottaggio con Costa oltre alla fanta-media del 5,78.

CENTROCAMPO SPAL: CHI SCENDE

EVERTON LUIZ

Quando parte titolare, è come se entrasse in campo già con il peso del cartellino giallo sulle spalle. Quando entra a gara in corso, la storia non cambia. La sua fanta-media del 5,5 ed i 5 cartellini gialli rimediati, la dicono lunga sull’utilità al Fantacalcio del centrocampista brasiliano. Nello scacchiere tattico di Semplici, con la formazione al completo, parte dietro nelle gerarchie e viene spesso e volentieri utilizzato da subentrante.

MATTIA VALOTI

Quando dicevamo di Kurtic, con le riserve che non hanno saputo sfruttare l’infortunio dello sloveno, ecco, parlavamo proprio di lui. Nelle partite in cui è stato impiegato, non ha mai brillato. Si è rivelato spesso sprecone e poco incisivo, fino a quando una contusione alla caviglia non ha fermato ai box anche lui.

MIRKO VALDIFIORI

La qualità non si discute, ma 4 partite da titolare su 12, sono troppo poco per un giocatore come lui. Semplici ha fatto capire che le esigenze della squadra  vengono prima di qualsiasi giocatore. Così, il mediano ex Napoli e Torino, ha avuto le sue occasioni contro quelle squadre ritenute alla pari. Quando invece la SPAL ha incontrato le formazioni migliori − in termini di qualità − del campionato, il tecnico ha sempre e comunque preferito Schiattarella nel ruolo di mediano.

FEDERICO VIVIANI

Sì, c’è anche lui in rosa! Nessuno avrebbe mai pensato ad una situazione del genere, eppure, dopo 29 presenze, 3 gol e 2 assist, collezionati nella passata stagione, il centrocampista classe 1992 non ha ancora disputato una partita in questa Serie A. In estate alcune squadre avevano provato ad intavolare una trattativa, con la SPAL pronta a cederlo solo nel caso in cui avesse trovato un sostituto. Fatto sta che il sostituto è arrivato, e lui, in maniera abbastanza inspiegabile, è rimasto. Semplici gli preferisce Schiattarella e Valdifiori, e per Viviani gennaio potrebbe essere un mese scottante anche fantacalcisticamente…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy