Conferenza Sassuolo – Bucchi: “Farò turnover. Letschert merita di essere titolare”

Alla nuova Sardegna Arena il Sassuolo è atteso dal Cagliari per il match di domani sera (ore 20.45). Bucchi annuncia che attuerà un parziale turnover e spende belle parole per Letschert e Adjapong.

di Alessandro Mura

Momento complicato per il Sassuolo e per mister Bucchi: la classifica piange e i neroverdi sono chiamati a rialzare al più presto la china. Nella trasferta di Cagliari mister Bucchi sembra intenzionato ad attuare un parziale turnover: Matri potrebbe partire titolare a scapito di Falcinelli. Confermato il 3-5-2, Bucchi ha confermato la fiducia in Letschert e Adjapong, giocatori molto utili in questo nuovo sistema di gioco. Vi proponiamo ora gli spunti più interessanti offerti da Bucchi nella conferenza pre partita.

BUCCHI SUL CAGLIARI

“Affrontiamo una squadra forte, sia come organico che come individualità, soprattutto nel reparto offensivo, una squadra che viene da una bella vittoria fuori casa, quindi è in un buon momento. Farias, Joao Pedro, Sau, Pavoletti, Barella, sono dei giocatori che possono spezzare gli equilibri, perché hanno qualità importanti. Il Cagliari è un’ottima squadra che l’anno scorso ha pagato non tanto le sconfitte, ma l’entità delle stesse. E’ una squadra quadrata, che sa difendersi bene, ha ripartenze velocissime. Sicuramente anche il nuovo stadio porterà entusiasmo, perché è di proprietà, è casa loro. Noi dobbiamo fare una bella prestazione e fare punti, perché come ho detto dopo la Juve, domani inizia il nostro campionato”.

BUCCHI E LA CONFERMA DEL 3-5-2

Questo sistema di gioco credo che sia il più funzionale a noi oggi, quindi dobbiamo dargli seguito, interpretandolo in maniera diversa a seconda del momento della partita, perché ho giocatori che possono fare ruoli diversi. Turnover? Qualcosa faremo, anche perché ci sono giocatori che si stanno allenando molto ma molto bene e meritano spazio”.

BUCCHI SU LETSCHERT E ADJAPONG

Nelle ultime partite hanno giocato Letschert e Adjapong: “Se sono contento di quanto hanno fatto? Sì, sono molto contento. Letschert dopo un anno di ambientamento parla meglio la lingua e questo è un grande passo avanti, è importante capire compagni e allenatore anche durante la partita, poi è cresciuto anche dal punto di vista tecnico-tattico, ha aspettato il suo momento e ora credo sia giusto farlo giocare. Adjapong ha 19 anni, a volte può pagare un po’ di inesperienza e di timore nei confronti di campioni che fino a poco fa vedeva solo in tv, ma l’esperienza si fa anche sbagliando. Sono due giocatori che ci daranno una grande mano.

BUCCHI SULLA FIDUCIA DELLA SOCIETA’

“Le parole di Carnevali mi fanno piacere, io ogni giorno mi metto in discussione, nel calcio e nella vita, so che i risultati sono determinanti. I risultati arrivano col lavoro e con un pizzico di fortuna. Sulla seconda cosa non posso far niente, sulla prima credo che questa società possa vedere ogni giorno quanto e come lavoro”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy