Una Roma da Ünder: un finale di stagione da mille e una notte

Il piccolo turco della Roma sta diventando sempre più decisivo con i suoi gol da tre punti. E la fantascommessa di inizio anno si può dire vinta.

di Valerio Blasi Xella

Ce ne ha messo di tempo prima di sbocciare. D’altronde, come dice il proverbio, Roma non fu fatta in un giorno. Lo sanno bene dalle parti di Trigoria. E lo sa bene soprattutto Eusebio Di Francesco, che non ha mai smesso di crederci. L’attesa è stata ripagata ancora una volta. Perché la vittoria dei giallorossi di ieri sera contro il Cagliari porta la sua firma, quella di Cengiz Under. Un gol bello e importante, che proietta la Roma sempre più vicina alla qualificazione alla prossima Champions League. E ora il piccolo turco può diventare il vero mattatore di questo finale di stagione. E i fantallenatori che ci hanno creduto se lo coccolano.

UN’ASCESA INCREDIBILE

L’arrivo a Roma di Under non è stato di quelli da ricordare. Il giovane classe 97′ veniva da una squadra non molto nota del campionato turco, l’Istanbul Basaksehir, in cui aveva messo a segno 9 gol e 7 assist in 43 partite e su di lui pesavano molto le incognite dovute al nuovo impatto in un mondo completamente diverso (a partire dalla lingua). Insomma Under sembrava la classica scommessa da tenere al caldo per l’intera stagione, per dargli il tempo di ambientarsi in tutto e per tutto.

Il suo esordio dal primo minuto arriva con il Verona alla quarta giornata. Gioca 75 minuti, si mangia un gol. Partita sufficiente. Nelle gare successive spreca malamente la fiducia che gli aveva dato Di Francesco, inanellando brutte prestazioni. A gennaio su di lui anche voci di trasferimento in prestito, col Sassuolo alla finestra. Ma è proprio quando la scommessa pareva ormai persa che qualcosa comincia a cambiare. Under gioca due partite, entrambe contro la Sampdoria nel giro di una settimana. Sembra un altro. La qualità delle sue prestazioni cresce sempre di più fino alla svolta. In Verona – Roma, esattamente a sei mesi dalla partita del suo esordio, firma il suo primo gol. E’ la svolta. Perché da quel momento i numeri del turco assumono tutta un’altra dimensione.

E’ LUI IL VERO VICE SALAH?      

Si può dire che da quel Verona-Roma per Under sia iniziato un nuovo campionato. Nelle successive otto partite di campionato da titolare Under ha partecipato attivamente a 8 gol (7 gol e 1 assist). Con il gol di ieri al Cagliari, è diventato il secondo marcatore della squadra assieme a El Shaarawy. E considerando che ci ha messo poco meno di 4 mesi, si può dire che ci troviamo di fronte ad un vero e proprio “crack“. Chi lo ha aspettato al Fantacalcio si è trovato per le mani un’arma letale. Con una media voto pari a 6.29 e una fanta media di 7.69 è dietro solo a Nainggolan e Perotti, rispettivamente per media voto e fanta media. Chi addirittura è riuscito a prenderlo nel mercato di Gennaio si è ritrovato un vero e proprio top di centrocampo.

Insomma, grazie anche alla deludente stagione di Schick e Defrel, è stato proprio il piccolo turco a garantire quei gol che garantiva l’anno scorso Salah. Ora mancano due partite per il finale di stagione. La Roma dovrà sfidare la Juventus in casa e il Sassuolo in trasferta. Non sono partite facili, ma considerando che entrambe le squadre hanno archiviato i propri obiettivi di classifica, Under potrebbe essere ancora il protagonista di questo finale. Insomma, la doppia cifra è difficile, ma non impossibile.

In ogni caso cominciate a segnare il suo nome sui vostri taccuini per la prossima asta del fantacalcio. Il brutto anatroccolo ormai è diventato uno splendido cigno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy