La Roma non è ancora Schick: come gestire il ceco in queste ultime giornate

Analizzando il calendario della Roma, cerchiamo di capire se Schick potrà essere ancora una risorsa per questo finale di stagione oppure è da considerarsi una scommessa persa.

di Valerio Blasi Xella

Dopo un periodo di buio profondo, la Roma sembra uscita finalmente dal tunnel della crisi. La sosta ha un sapore dolce e la squadra di Di Francesco non poteva chiedere di più: terzo posto in campionato, quarti di finale di Champions League raggiunti e un gioco di squadra ritrovato. In mezzo a tutti questi sorrisi però, c’è una faccia imbronciata: quella di Patrik Schick. Il giovane attaccante ceco fatica ad integrarsi negli schemi della Roma e la panca contro il Crotone è il chiaro segnale che Di Francesco, al momento, non sa come sfruttarlo. Pessima notizia per i fantallenatori che hanno scommesso su di lui. Arrivato a questo punto della stagione, il bottino del ceco è davvero impietoso: 0 gol e 0 assist in campionato. Il peggiore attaccante della squadra giallorossa (Mv: 5,22 – Fm: 5,3) e uno dei peggiori del campionato. Mancano oramai 9 giornate alla fine della corsa. In questo finale Schick potrà essere utile nelle vostre rose oppure è meglio riporre nel cassetto le speranze, pensando al prossimo anno?

SCHICK: UNA SCOMMESSA PERSA? NON ANCORA…

Ad oggi è facile rispondere che il ceco rappresenta una scommessa ormai persa e la scelta migliore sarebbe quella di accantonarlo. Dal punto di vista tattico, Schick sembra non avere spazio in questa Roma: come esterno risulta chiuso da Under, il turco che ha conquistato la fiducia di tutto l’ambiente. Nel ruolo di punta c’è un certo Edin Dzeko, che Di Francesco ritiene intoccabile e fondamentale. Non solo, ma le ultime partite in cui Schick ha preso il posto del bosniaco (contro Milan e Torino) i risultati non sono stati lusinghieri. Insomma, l’ex attaccante della Sampdoria sembra essere un pesce fuor d’acqua rispetto alla squadra.

Tuttavia, noi vi consigliamo ancora di avere pazienza e di non liberarvene. Beninteso, Schick ad oggi è da considerare come un ultimo slot-scommessa, da tenere solo se il vostro reparto è formato da titolari. Siamo convinti che da qui in avanti il ceco potrà avere ancora le sue occasioni. Analizzando il calendario , queste sono le partite rimaste:

Bologna- Roma

Roma – Fiorentina

Lazio – Roma

Roma – Genoa

Spal – Roma

Roma – Chievo

Cagliari – Roma

Roma – Juventus

Sassuolo – Roma

Tolte Juve e Lazio, le partite più complicate, il calendario della Roma non sembra proibitivo. Di Francesco potrebbe scegliere di dare ancora un’occasione al giovane ceco in una di queste gare. Starà a lui farsi trovare pronto. D’altronde un esempio simile la Roma ce l’ha proprio in casa: anche Under, dopo un periodo di ambientamento, ha inanellato una serie di partite positive.

Insomma, dare fiducia a Schick in questo scorcio finale potrebbe sembrare un atto di fede più che una scommessa. Ma si sa:  solo chi non rischia non vince mai.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy