Focus on – Justin Kluivert, Roma: la scheda al Fantacalcio

Scopriamo le caratteristiche tecniche di Justin Kluivert, il nuovo rinforzo della Roma, nonché potenziale “crack” alla corte di Di Francesco.

di Valerio Blasi Xella

Justin Kluivert è un nuovo giocatore della Roma. Dopo settimane di trattative, ammiccamenti e tira e molla con l’Ajax, finalmente il direttore sportivo Monchi ha concluso il quarto colpo di mercato della società capitolina. La Roma si assicura un baby talento dal grande potenziale. Sarà lui il giocatore che farà svoltare l’attacco dei giallorossi la prossima stagione?

KLUIVERT: UN TALENTO PRECOCE SULLE ORME DEL PADRE

Justin, figlio di Patrick Kluivert, è un prodotto del vivaio calcistico dell’Ajax. Con i Lancieri ha fatto tutta la trafila delle giovanili, fino ad esordire a soli 18 anni in Prima Squadra nella stagione 2016-2017, firmando il suo primo contratto da professionista nell’Eredivisie, il massimo campionato olandese. Se il 2016 era stato l’anno dell’esordio, la stagione 2017-2018 sarà quello della consacrazione. Dopo la 12° giornata Justin spicca letteralmente il volo e lo fa con una tripletta da favola. Da allora metterà in fila esattamente 10 gol e 3 assist in 22 partite. Il bottino finale tra campionato e coppe sarà di 11 gol e 5 assist in 36 partite. Per un diciottenne appena uscito dalle giovanili non è roba da poco.

Quello che però ha impressionato di più di questo talento precoce non è tanto il mero dato statistico, già di per sé impressionante, bensì la qualità delle sue giocate e delle sue prestazioni. Justin è un’ala moderna, veloce e tecnica, capace di giocare indifferentemente su entrambe le fasce. Nella stagione appena terminata ha giocato 10 partite come ala destra e ben 26 partite come ala sinistra. Questa è la postazione che più preferisce. Nonostante sappia utilizzare entrambi i piedi, le cose più belle del suo repertorio le ha fatte vedere con il destro giocando a sinistra. La sua classica giocata consiste nel rientrare sul destro e mettere la palla sotto l’incrocio. Un’altra qualità del giovane olandese è la naturale capacità di saltare l’uomo: secondo le statistiche dello scorso anno, Justin effettua in media 4 dribbling a partita, uno dei migliori del campionato olandese in questo fondamentale. Le sue progressioni palla al piede permettevano di spaccare in due la partita, consentendo ai compagni di creare superiorità numerica in fase offensiva.

KLUIVERT NEL 4-3-3 DI DI FRANCESCO

Kluivert si sposa perfettamente con le caratteristiche dell’esterno nel 4-3-3 di Di Francesco, modulo prediletto storicamente dall’Ajax. Potrà giocare indifferentemente su entrambi i lati del campo. Dove ad oggi è difficile dirlo con sicurezza. Con il suo arrivo, il reparto d’attacco della Roma diventa molto affollato. A destra ci sono Under e Schick, anche se solo il turco è un vero esterno di ruolo, mentre il secondo probabilmente verrà spostato come centravanti. A sinistra dovrà convivere con Perotti ed El Shaarawy. A nostro parere è proprio in questa parte del campo che risaltano maggiormente le sue qualità. E infatti Di Francesco nel corso della stagione lo schiererà soprattutto come ala sinistra.

Per quanto riguarda la titolarità, Justin Kluivert rappresenta un grande investimento per la società giallorossa e per questo si candida ufficialmente come il titolare della fascia sinistra nel corso della stagione, in un tridente completato idealmente da Dzeko punta e Cengiz Under a destra. Tuttavia non bisogna trascurare un dettaglio: l’inesperienzala giovane età del ragazzoKluivert viene da un campionato molto diverso e potrebbe scontare all’inizio un periodo di ambientamento, in cui potrebbe essere usato come arma a partita in corso, con uno tra Perotti ed El Shaarawy usato come “chioccia” dietro cui crescere e prendere fiducia. O magari potrebbe alternarsi con Under sulla fascia destra. Justin ha solo 19 anni e a questa età potrebbe non garantire un rendimento sempre continuo. Insomma qualche passo falso dovuto all’anagrafe è da mettere in conto.

Per quanto riguarda i bonus, Kluivert è sicuramente un profilo che stuzzica i fantallenatori. A nostro parere 7-8 gol e 3-4 assist sono un bottino alla sua portata. Consideratelo un 3° slot sia in lega a 8 sia in lega a 10. Se dovesse ambientarsi subito, potrebbe anche raggiungere la doppia cifra.

Il prezzo in sede d’asta potrebbe essere alto a causa dell’etichetta di baby fenomeno che si porterà dietro. Ma siate pronti ad approfittare di qualsiasi passo falso dei vostri avversari. Un potenziale talento così non va fatto scappare! In una recente intervista ha detto che il suo modello di riferimento è Cristiano Ronaldo e che vorrebbe diventare come lui. Insomma cari fantallenatori, lui vi ha avvertiti. Ora tocca a voi!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy