Casa Roma: allarme difesa, infortuni a catena ed emergenza per l’Europa League

Casa Roma: allarme difesa, infortuni a catena ed emergenza per l’Europa League

Spalletti perde anche Manolas per una frattura al naso, in dubbio pure Emerson Palmieri.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Se Luciano Spalletti fosse un professore, avrebbe vuoti i banchi di scuola per le troppe assenze. Alla ripresa degli allenamenti a Trigoria, il tecnico giallorosso dovrà fare la conta dei presenti in difesa in vista del prossimo impegno di Europa League.

INFORTUNIO MANOLAS: FRATTURA AL SETTO NASALE, OUT 15 GIORNI

Dalla sfida contro l’Empoli la Roma è uscita con le ossa rotta. Il pilastro della difesa giallorossa Manolas ha subito in uno scontro di gioco contro il suo compagno di squadra Dzeko la frattura del setto nasale. Il centrale greco è già stato operato ieri sera dal chirurgo maxillo-facciale Bruno Pesucci. L’operazione è riuscita perfettamente e Manolas tornerà a disposizione dopo la sosta per le Nazionali: salterà quindi le partite contro Austria Vienna in Europa, Bologna in Campionato e Grecia-Bosnia del 13 novembre.

ROMA: EMERGENZA DIFESA, LA SITUAZIONE

Mario Rui, Vermaelen, Florenzi, Seck e ora anche Manolas ed Emerson. Il brasiliano ha avuto un risentimento muscolare al polpaccio sinistro che verrà valutato nei prossimi giorni. Il difensore è in dubbio per l’impegno di giovedì sera in Europa League contro l’Austria Vienna. E’ una caporetto la difesa giallorossa, con soli quattro giocatori disponibili: Fazio, Juan Jesus, Rudiger e Bruno Peres (gli ultimi due appena rientrati dai rispettivi infortuni).
Per la prossima partita contro l’Austria Vienna, vista l’emergenza in difesa, potrebbe essere arretrato De Rossi – che rientra dopo le tre giornate di squalifica – al fianco di Fazio. A Destra Bruno Peres, mentre a sinistra ci sarà probabilmente Juan Jesus. Difficile che il tecnico voglia ancora inserire Rudiger, appena rientrato dal lungo infortunio al crociato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy