Parma, D’Aversa: “Con Gervinho mi son preso un rischio. Non posso perderlo, è troppo importante per noi”

Parma, D’Aversa: “Con Gervinho mi son preso un rischio. Non posso perderlo, è troppo importante per noi”

Le dichiarazioni del tecnico gialloblu dopo la sconfitta casalinga maturata al “Tardini” contro la Juventus per 2-1.

di Mario Ruggiero, @MarioRuggi

Contento per i complimenti, molto meno per il risultato che non ha premiato il suo Parma. Roberto D’Aversa, tecnico dei gialloblu, ha commentato il post-gara contro la Juventus su Sky.

LE PAROLE DI D’AVERSA

Queste le sue principali dichiarazioni: “Faccio i complimenti ai ragazzi. Restare sotto dopo due minuti e pareggiare con una squadra del genere inizialmente non è da tutti. Potevamo andare avanti, i ragazzi hanno fatto una gara stupenda. Ci sono stati errori tecnici, ma su questo ci lavoreremo sopra. Però, con un atteggiamento simile possiamo toglierci soddisfazioni e lottare per il nostro obiettivo”.

Riflessione importante in ottica fantacalcio sulla stella della squadra, Gervinho: “Chiaro, volevo tenerlo in campo tutta la gara e ho preso insulti. Sto prendendo dei rischi con lui, non lo conosco ancora caratterialmente. A Bologna aveva 20 minuti, in settimana ha avuto problematiche fisiche. Non posso perderlo, ha qualità tecniche e fisiche uniche. E non può farsi male”.

Sull’atteggiamento tattico, soprattutto degli esterni, D’Aversa ammette: “Dipende da chi giocherà, oggi c’erano Gervinho e Di Gaudio che vanno negli spazi, però sono venuti dentro liberando spazi per gli altri compagni. Dipende anche dall’avversario: per un’ora con l’Udinese abbiamo fatto la gara prima del black out dal rigore. Bisogna essere realisti e scegliere a seconda dell’avversario. La Juve ha tenuto a lungo palla, ma qualcosa di buono dalla costruzione bassa lo abbiamo fatto anche noi. Con l’Udinese abbiamo pagato la condizione fisica e abbiamo pagato l’episodio del Var, al quale non siamo abituati, subendo poi un secondo gol molto evitabile. A Bologna con la Spal c’è stata una reazione di nervi ma poco lucida, oggi siamo stati bravi perché rischiavamo di dare molto spazio alla Juventus. Ci abbiamo messo equilibrio, c’era l’occasione per andare in vantaggio”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy