Napoli, Ancelotti: “Koulibaly era nervoso per gli ululati”

Carlo Ancelotti analizza il match contro l’Inter, parlando, purtroppo, anche degli insulti razzisti contro Koulibaly.

di Massimo Angelucci
Ancelotti Napoli 2018

Carlo Ancelotti, oltre al danno della sconfitta del Napoli contro l’Inter, che vede la Juventus allontanarsi sempre più in classifica, ha subìto anche la beffa di dover spiegare delle cose che con il calcio giocato non hanno nulla a che fare: i vergognosi insulti razzisti al difensore azzurro Kalidou KoulibalyAll’arbitro ho chiesto informazioni sull’espulsione che ha determinato il risultato. C’erano animi agitati, abbiamo chiesto tre volte la sospensione alla Procura Federale: ci sono stati tre annunci, ma nessuna sospensione. Koulibaly era molto nervoso, ci sono stati ululati per tutta la partita. La soluzione per risolvere questa situazione c’è: sospendere la partita. La prossima volta faremo così”.

LE DICHIARAZIONI DI ANCELOTTI

Ancelotti parla dell’invenzione di Josè Maria Callejon terzino destro: “Volevo mettere alto un giocatore in fase di costruzione, volevamo fare una partita offensiva, quella che nel primo tempo non ci è riuscito per merito dell’Inter. Nel secondo tempo abbiamo avuto un controllo totale della situazione“.

Il tecnico azzurro difende Lorenzo Insigne, oggi poco propositivo: “Ha lavorato molto, pressando su tutta la squadra avversaria. Ha fatto anche compiti difensivi ed è per questo che in attacco è stato poco lucido. La discussione con Keita? Meglio parlare domani, a mente fredda“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy