Milan, la difesa traballa: Caldara in rampa di lancio?

Milan, la difesa traballa: Caldara in rampa di lancio?

Gattuso potrebbe studiare nuove alternative per placare le falle difensive dei suoi nell’ultimo periodo.

di Carlo Cecino, @CarloCecino

Nonostante un solo punto nelle ultime quattro partite, il Milan è ancora lì, aggrappato con le unghie al quarto posto in concomitanza con l’Atalanta. Ma la banda di Gattuso non può più commettere errori se desidera mantenere il piazzamento Champions League fino al termine della stagione; a tal proposito lo stesso tecnico rossonero potrebbe apportare alcune modifiche al suo scacchiere tattico.

MALEDETTA DIFESA

Uno dei punti forti che ha condotto il Milan nel periodo d’oro tra dicembre e febbraio verso le prime posizioni della classifica è stata sicuramente la retroguardia, apparsa finalmente solida e ben strutturata, in seguito alle diverse cattive prestazioni della prima parte della stagione. Sorretta sull’affidabile coppia centrale Musacchio-Romagnoli, il resto della difesa milanista si è compattata e dove i difensori non riuscivano a metterci la pezza, ci pensava Donnarumma coi suoi tentacoli a salvare tra i pali le occasioni avversarie, per una formazione che in sette partite aveva registrato cinque clean sheet.

Però dalla trasferta di Verona contro il Chievo fino alla sconfitta dell’Allianz Stadium di sabato scorso, i Diavoli hanno incassato otto gol in cinque match. Giunti alla 32esima giornata, la truppa “gattusiana” è la quinta miglior difesa con 30 gol subiti, tuttavia è probabile che il mister del Milan opti per qualche avvicendamento negli elementi della linea difensiva, in modo da ritrovare la brillantezza sbiadita.

L’ORA DI CALDARA

Ed ecco che per lo scontro diretto di sabato prossimo tra Milan e Lazio, Gattuso sta pensando ad alcune variazioni difensive: molto probabilmente ci sarà ancora Reina tra i pali, a sostituire l’infortunato Donnarumma, mentre l’idea delle ultime ore balenata nella mente del mister rossonero è quella di puntare, dopo sei mesi di assenza per colpa di gravi problemi fisici, su Mattia Caldara; il 24enne centrale difensivo in questa stagione ha giocato solamente in Europa League contro il Dudelange a metà settembre.

E se Musacchio è reduce da 14 presenze consecutive tra Serie A e Coppa Italia, l’allenatore calabrese potrebbe decidere di lasciarlo riposare in panchina per gli errori commessi nei risultati negativi del recente periodo, ultimo il fallo da rigore commesso su Dybala contro la Juventus. Per ora resta solo un’ipotesi l’utilizzo di Caldara, che è rientrato in gruppo da un mese, tra l’utilizzo in Primavera e i minuti in amichevole col Chiasso. Adesso vedremo cosa deciderà Gattuso, certo che se la difesa rossonera dovesse toppare anche contro Immobile & Co., Gattuso potrebbe realmente rispolverare il centrale difensivo arrivato la scorsa estate dalla Juventus nell’affaire Bonucci-Higuain; per un Milan che in questo finale di stagione deve tornare a chiudere a chiave la porta del castello difensivo, altrimenti la Champions League resterà solamente un sogno accarezzato.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy