Milan, emergenza in difesa: arretra Kessié?

Milan, emergenza in difesa: arretra Kessié?

Infermeria piena per gli uomini di Gattuso: reparto più colpito la difesa, in cui per arrivare ad avere a disposizione i titolari necessari sarà inevitabile una reinvenzione di qualcuno. Probabile, in quest’ottica, l’impiego di Kessiè nelle retrovie.

di Giuseppe Ronco
Milan, emergenza in difesa: arretra Kessiè?

Infermeria piena per gli uomini di Gattuso che, tra indisponibili e convocati in nazionale, ha a disposizione pochissimi uomini mai rientrati nelle turnazioni per gli allenamenti durante la sosta. Perché ai lungodegenti Caldara, Musacchio e Strinic si sono aggiunti Calabria, rientrante dalla nazionale Under-21 per il solito problema alla caviglia, e Romagnoli, vittima di una contrattura rimediata in nazionale. Nella speranza di recuperare quantomeno questi ultimi per la sfida dell’Olimpico contro la Lazio, il mister deve valutare le alternative.

DIFESA OUT, KESSIÉ ARRETRA?

L’unico dei centrali che resta in piedi è Zapata, molto dietro nelle gerarchie e trovatosi praticamente a sorpresa ad essere, a questo punto, un titolare inamovibile per cause di forza maggiore. Solo Simic, dei centrali a disposizione, è pronto per giocare: per lui nessuna partita con il Milan, e l’ultima presenza in A risale ai cinque minuti giocati a Febbraio scorso con il Crotone. In una difesa a tre potrebbe essere riadattato terzo di sinistra Rodriguez, che ha saltato l’amichevole con la sua Svizzera per un acciacco di poco conto. Altra ipotesi caldeggiata e non da scartare è l’impiego di Kessié nei tre dietro, come ha mostrato di saper fare con la Costa d’Avorio.

La scelta, però, lascerebbe scoperta una zona importante a centrocampo, dove pesano le assenze di Bonaventura e Biglia. Insomma, una situazione ai limiti della criticità e a cui Gattuso dovrà trovare una soluzione in fretta e con i pochi reduci da infermeria e convocazione in nazionale a disposizione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy