Conferenza Milan – Montella: “la bozza di formazione è pronta, per i dubbi ho ancora due giorni”

Il tecnico rossonero parla alla vigilia del derby di sabato all’ora di pranzo contro l’Inter di Pioli. Dal closing ai dubbi di formazione, vediamo gli spunti più interessanti della conferenza stampa di Milanello.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Il tecnico rossonero Vincenzo Montella parla alla vigilia dell’incontro di sabato all’ora di pranzo nel primo derby cinese della storia di Milano. Vediamo nella conferenza di Milanello gli spunti più interessanti per la partita della 32a giornata della Serie A TIM.

MONTELLA SUL DERBY

E’ una partita difficile e stimolante da giocare. Invidio un po’ i calciatori. Servirà un livello tecnico molto alto, anche perchè c’è quasi 1 miliardo di persone che ci guarda“. Sull’Inter:Ha calciatori molto tecnici e veloci con abilità nell’uno contro uno soprattutto sulle fasce con Candreva e Perisic, che non giocando a piede invertito spesso arrivano al cross. Spingono molto anche con i terzini. Dovremo essere bravi a non far partire l’azione essendo aggressivi. Icardi? E’ un calciatore molto forte, bisogna evitargli i rifornimenti. Pensa per il gol, anche se quest’anno sta imparando molto di più a partecipare al gioco“. Sulle differenze con l’andata:Deulofeu e Gagliardini? Guardando l’Inter con Gagliardini ha trovato ritmo, ha grande fisicità, è molto abile negli inserimenti. Fermo restando che anche noi qualcosina di diverso abbiamo. Con Deulofeu abbiamo qualcosa in più nell’uno contro uno ma con Bonaventura ci avvicinavamo molto quindi non penso cambierà il tipo di partita“.

Se una vittoria può valere l’Europa:Una vittoria porterebbe percentualmente più possibilità per noi. Sicuramente non chiuderebbe il discorso qualificazione ma ne ipotecherebbe una buona parte“. Sull’approccio al derby dopo la sconfitta di Crotone se è un vantaggio:No, quando c’è un derby si azzera tutto. Conta come si riesce ad arrivare. Il resto conta relativamente“. Se una vittoria nel derby taglierebbe fuori l’Inter:Non credo che un eventuale sconfitta pregiudichi qualcosa all’Inter così come a noi. E’ tutto recuperabile, poi l’Inter ha tanti scontri diretti”. Su cosa servirà al derby: “Credo che sia necessaria la squadra più di altre partite, una squadra pronta tatticamente e sicura tecnicamente. Cosa ci ha insegnato la partita di andata? Ci ha insegnato che le partire durano 95 minuti, quei due punti un po’ mancano. Potevamo portarla a casa, complimenti all’Inter che ci ha creduto fino alla fine”.

Sull’assenza di Pasalic:E’ un calciatore che sta crescendo molto e potrà farlo ancora in futuro. Non mi piace parlare degli assenti, mi piace parlare di chi sarà della partita. Eravamo in tanti, alla fine son serviti tutti“.

Sulla formazione:Una bozza c’è, ma a due giorni naturalmente non ho ancora deciso. Ci sono delle variabili da valutare giorno per giorno“.

MONTELLA SUL CLOSING

Sono stato informato pochi minuti fa da Galliani e Fassone. Mi ritrovo in questa situazione. Ci tengo a ringraziare e salutare Galliani e Berlusconi per la possibilità che mi è stata data di allenare il Milan e di esserne in parte entrato a farne parte insieme ai calciatori per un trofeo vinto. Sono molto emozionato oggi, credo veramente di essere riuscito a distinguere le situazioni di campo dalla faccende societarie. Ci tenevo a dirlo, da parte di tutte le componenti. Compreso anche il nuovo management che è sempre stato corretto. Sono stato agevolato in questo. Nei prossimi giorni ci incontreremo con la nuova proprietà e il nuovo management e sono certo che insieme ci troveremo sui punti da pianifcare in futuro per rendere il Milan glorioso ancora una volta“. Su come tenere la squadra lontana dagli argomenti societari:Se avessi dovuto scegliere il momento migliore per questo passaggio di proprietà avrei scelto o il derby o la partita con la Juventus. Sono convinto che sabato i ragazzi dimostreranno ulteriormente la loro serietà“. Se gli sarebbe piaciuto vivere una stagione senza closing:Credo sia stata un bagaglio di esperienza importante. Non ho vissuto alcun turbamento inferiore“.

MONTELLA SU BERLUSCONI

Su Berlusconi e se lo incontrerà di persona: “Tra le tante telefonate con Berlusconi ci ho scorto sempre grande stima e grandi stimoli a migliorare, che ho sempre accettato. E’ stato molto impegnato emotivamente in questa vendita e anche in politica, mi sarebbe piaciuto conoscerlo meglio. Credo che il presidente mi stimi e mi rispetti, da parte mia ci sono e aggiungo anche ammirazione per quello che ha fatto nel Milan“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy