Conferenza Milan – Montella: “Il closing non deve essere un alibi. Bacca resta primo rigorista”

Il tecnico rossonero ha parlato alla vigilia dell’anticipo di domani sera contro il Chievo.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Vincenzo Montella ha da poco concluso una delle conferenze stampa più delicate della sua carriera di allenatore. Difatti, a Milanello, il tecnico rossonero ha dovuto rispondere delle ultime prestazioni altalenanti del suo Milan, ma soprattutto ha dovuto spiegare la delicata questione del closing ancora una volta rinviato e le ripercussioni che essa potrebbe avere sulla sua squadra, senza dimenticare di fare il punto della situazione sui singoli calciatori.

MONTELLA TRA CAMPIONATO ED EUROPA

“Contro il Chievo ci sarà da soffrire, come sempre. A questi livelli si soffre sempre e anche la nostra storia recente lo dimostra. Sono contento che la squadra sappia soffrire. Il Chievo è una realtà del nostro Campionato e c’è da far loro i complimenti. Sampdoria e Udinese, per come abbiamo giocato, non erano sconfitte meritate e condizionano la classifica attuale. Abbiamo avuto un rendimento costante, anche recuperando partite con il cuore anziché con la tattica. Abbiamo perso punti, ma abbiamo superato il momento difficile con lo spirito di gruppo e un pizzico di fortuna. La corsa all’Europa? La lotta ci sarà fino alla fine e si inserirà anche la Fiorentina. Le prime tre saranno quelle che sono ora davanti. Noi siamo in corsa e dipende da noi: se avremo questo rendimento, sono certo che arriveremo in Europa. Se ci anima il duello a distanza con l’Inter? Noi ambiamo ad arrivare in Europa a prescindere dall’Inter. Poi se arriveremo davanti a loro sarà ancora più bello, ma noi dobbiamo pensare alla classifica e non a loro”.

MONTELLA E IL CLOSING

Il closing non deve essere un alibi. Non voglio che la squadra abbia alcun alibi, perché non ne abbiamo. Io devo usare tutte le mie energie per allenare bene la squadra. I ragazzi hanno sempre mostrato una grande maturità e attaccamento alla maglia. Come si isola la squadra dal discorso closing? E’ semplicissimo, non se ne parla: i calciatori devono pensare solo a giocare e basta. Se il closing avrà ripercussioni sulla squadra e sul rinnovo di Donnarumma? Tutto questo non mi preoccupa: non penso al mercato, ai rinnovi, al closing eccetera, sono cose normali”.

MONTELLA E IL SUO FUTURO

“Non posso rispondere delle ipotesi che sono state fatte. Io ho un contratto e sono contento qua. Mi valuteranno, ma sono sereno”.

MONTELLA E IL PRIMO RIGORISTA

“Credo che il rigore col Sassuolo gli abbia cambiato la stagione. Sicuramente il primo rigorista resterà Bacca, ma quel gol fortunoso, da ripetere, gli farà cambiare l’annata in positivo. Bacca è il nostro terminale e il compito nostro è di sfruttarlo al meglio. Anche lui può darci qualcosa in più per stare al vertice”.

MONTELLA E LOCATELLI

“Manuel sta lavorando bene e ha voglia di recuperare la condizione che è stata un po’ in calo. Hanno esagerato un po’ nel criticarlo”.

MONTELLA E GLI INFORTUNATI

Romagnoli è in gruppo ed è recuperato. Calabria lo valutiamo rispetto all’influenza e Abate è sotto controllo dallo staff medico. Montolivo sta molto bene, mentre Bonaventura ancora non corre”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy