Conferenza Milan – Gattuso: “Romagnoli è recuperato, decido domani se gioca dall’inizio”

Il tecnico rossonero ha parlato alla vigilia della sfida di domani a San Siro contro il Verona.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Il mister rossonero Gennaro Gattuso ha parlato nella sala stampa del centro sportivo di Milanello in vista della partita di domani alle ore 18:00 contro l’Hellas Verona. Da Romagnoli a Bonaventura, da Kalinic a Biglia, vediamo gli spunti più interessanti per il Fantacalcio.

LE DICHIARAZIONI DI GATTUSO

Su Kalinic:Dopo la mia scelta di metterlo fuori, con Nikola è andato tutto bene. Si allena sempre con grande professionalità, si ferma anche dopo allenamento a calciare e sono contento di come si comporta. Ci mancano i gol delle punte, è vero: mettiamoli in condizione di fare gol“.

Su Romagnoli: “Ha fatto tutto con i compagni, può essere della gara, ma vediamo domani“.

Su Biglia: “Ad avercene gente come Lucas. Nel calcio c’è gente brava e meno brava, poi ci sono gli atleti, i professionisti e i campioni che sanno come vivere questo mondo. Lui è un pazzo scatenato, vuole lavorare sempre e stare sempre con noi. Questo è lo spirito che voglio, per me è fondamentale e così devono essere, un segnale per tutti. Mi strappa un sorriso perché è ancora un po’ storto, ma vuole esserci comunque. Parlando seriamente, è ancora lontano dallo stare bene. E ne approfitto per dire una cosa, ne ho sentite troppe su di lui. È forte, ha grande mentalità, e gioca titolare nell’Argentina non a caso“.

Su Cutrone:Col Bologna ha sbagliato molti movimenti, ma sta a noi migliorarlo perchè ha 20 anni, l’impegno però no, quello non si discute“.

Sugli attaccanti:Kalinic i gol li ha sempre fatti, André Silva se lo vendiamo in un’ora trova la squadra e Cutrone è giovane ma ha passione e ha voglia. Non è solo colpa loro, ma anche di chi gli fa arrivare la palla e chi prepara gli schemi e chi li fa lavorare. Facciamo le macumbe per far arrivare in doppia cifra Patrick fino a fine stagione (ride, ndr)“.

Su Bonaventura: “Cosa dovrei dire? Siete voi che scrivete che lo vogliono tizio e caio. Ma lui ha un contratto, quando si giocano 50 partite è normale avere alti e bassi, ma lui non ha mai detto di voler andare via. Nemmeno la società mi ha mai detto che lo voglia vendere, anzi penso stiano parlando del rinnovo. Io l’ho sempre fatto giocare perché so cosa può darmi, c’è enorme fiducia in lui“.

Su G. Gomez mai utilizzato: “Gustavo doveva andar via, ma non ci sono state più le condizioni. Parlo spesso con lui e si allena sempre, davanti ha giocatori che mi danno più affidamento ma tra di noi c’è un grandissimo rapporto. Viene in ufficio, parliamo anche di calcio sudamericano, ma in questo momento è dietro a gente che mi dà più affidamento“.

Su Mastour: “Ultimamente ci ha parlato spesso, l’ho anche minacciato per essere più famoso per i video che per il calcio. Ora non ne fa più, gli ho detto che gli buttavo giù i denti (ride, ndr). Negli ultimi mesi ha migliorato alcune cose in allenamento e avevamo deciso anche di farlo giocare in Primavera. Ha 20 anni e secondo me deve far tesoro dei suoi errori. Ha dei colpi ma deve giocare con continuità, si vede che ha perso le distanze dal campo di gioco. Un po’ di miglioramenti li ho notati però“.

Su come sta la squadra: “La vittoria ha aiutato, sono più tranquilli e più freschi a livello mentale e fisico“.

Sull’imminente finale di Coppa Italia:Noi pensiamo solo all’Hellas. Però è anche vero che se vinciamo la Coppa Italia cambiano molti scenari in classifica… Ma ora testa solo al Verona e poi vedremo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy