Casa Milan: si ferma Bacca e Romagnoli da valutare. Lapadula in rampa di lancio?

Report del giovedì: tutte le ultime news dalla sede rossonera.

di Stefano Giustini, @Alobrasil74

Archiviato il pareggio beffa nel derby e raggiunta la Roma al secondo posto, il Milan si appresta a preparare la sfida contro l’Empoli di Martusciello. La società toscana è reduce dal pesante ko interno contro la Fiorentina per 0-4 e farà di tutto per ridare il sorriso ai propri tifosi dopo il derby perso. Montella sa benissimo che non sarà facile portare a casa i tre punti, ma se vuole lottare per la Champions League deve tornare a casa con la vittoria. Sul fronte societario arrivano le conferme che il closing per il passaggio storico della società nelle mani dei cinesi avverrà il 13 dicembre.

MILAN: REPORT ALLENAMENTO

23/11/16 – Come riporta il sito ufficiale rossonero, intorno alle 15:00 è iniziataallena-mento la seconda sessione giornaliera. I rossoneri hanno svolto una partitella a pallamano con conclusione al volo. La squadra è stata poi divisa in due gruppi: i difensori hanno svolto sul campo rialzato esercizi sulla linea difensiva, centrocampisti e attaccanti hanno invece lavorato sulla fase offensiva sul centrale. In chiusura partitella sul campo centrale.

Da segnalare: Andrea Bertolacci che si è allenato con il gruppo e Leonel Vangioni che ha svolto un lavoro personalizzato sul campo ribassato. Alessio Romagnoli, Davide Calabria e Carlos Bacca hanno svolto terapie.

MILAN: DISAMINA TATTICA IN VISTA DI EMPOLI

Appurato che nella giornata di ieri si è fermato Carlos Bacca, per un sovraccarico al muscolo della coscia destra, in vista di Empoli, permane il dubbio Romagnoli. Il forte centrale rossonero sta proseguendo le terapie del caso, e verrà valutato giorno dopo giorno in vista della trasferta in terra Toscana.

In porta ci sarà come sempre Donnarumma, davanti a a destra Abate, in mezzo Paletta, al suo fianco se non recupera Romagnoli, sarà confermato G.Gomez che ben si è comportato nel derby, a sinistra ballottaggio serratissimo tra Antonelli e De Sciglio, con l’ex genoano che potrebbe rivedere la maglia da titolare dopo due mesi. Calabria dovrebbe tornare a disposizione e sedersi in panchina con Zapata e Ely.

A centrocampo si prospettano due soluzioni: la conferma di chi ha giocato nel derby, quindi Kucka, Locatelli e Bonaventura, o l’ingresso nel ruolo di mezzala di uno tra Mati Fernadez e Pasalic. In questo caso Bonaventura verrebbe spostato nel tridente.

Stesso discorso in avanti: l’ingresso più logico di Lapadula al posto dell’infortunato Bacca, con Suso e Niang ai lati, o quest’ultimo nel ruolo di punta centrale con ai lati Bonaventura e Suso e Lapadula in panchina. Non è neanche da escludere la sorpresa Luiz Adriano.

 MILAN: REPORT INFORTUNATI

BaccaIl Milan perde un pezzo da novanta. Carlos Bacca non giocherà contro l’Empoli. Qui di seguito il comunicato della società rossonera, sul centravanti colombiano: “AC Milan comunica che durante il derby di domenica sera Carlos Bacca ha manifestato un sovraccarico ad un muscolo flessore della coscia destra. Un controllo è previsto per inizio della prossima settimana”. Per la trasferta in Toscana dovrebbe invece recuperare finalmente Bertolacci, assente dalla gara interna contro il Torino di inizio stagione. Il centrocampista ha lavorato in gruppo e Montella potrebbe convocarlo. Per Romagnoli la situazione è diversa. Come riferisce Milan Tv, dopo aver saltato il derby a causa del problema muscolare rimediato nell’amichevole tra Italia e Germania, Alessio Romagnoli sta proseguendo le sue terapie e verrà valutato giorno dopo giorno per capire se potrà tornare a disposizione di Montella già per la trasferta di Empoli.  Non ci sono squalificati e diffidati tra le file rossonere. Ma vediamo nel dettaglio la situazione dell’infermeria:

Bertolacci: lesione muscolare alla coscia sinistra (recupero 14^GIORNATA)

Calabria: problema alla caviglia sinistra (in dubbio 14^GIORNATA)

Romagnoli: modesta lesione muscolare (in dubbio 14^GIORNATA)

Vangioni: problema alla coscia sinistra (in dubbio 14^GIORNATA)

Bacca: sovraccarico ad un muscolo flessore della coscia destra ( da valutare)

Montolivolesione del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro

MILAN INTERVISTE: LA CANTERA ROSSONERA

DAVIDE CALABRIA

DavideCalabria1MilanItaliaDavide Calabria, presente a Casa Milan  ha parlato dei suoi inizi al Milan e delle sue sensazioni in rossonero: “Ho iniziato al Milan a 10 anni nel 2006. Soprattutto in questo periodo c’è un collegamento molto forte tra settore giovanile e prima squadra, più di quando sono arrivato io. Ho sempre studiato a Brescia. Poi quando sono arrivato in convitto, sono iniziate le complicazioni con lo studio. Il passaggio da casa al convitto è stato più duro di quanto mi aspettassi. Diciamo che è andata meglio nel calcio che nella scuola (ride). Quando sei al Milan, devi rispettare delle regole importanti“. Sul Milan: “Vivere in una società che ti abitua a vivere civilmente insieme agli altri, già aiuta a crescere. Io sono nato tifoso milanista ed ero già abituato ad andare a San Siro. È stato un sogno far parte di questa squadra ed arrivare in prima. Il Milan, per me, è la miglior società del mondo per tutto quello che gira attorno ad un club così. I primi anni, passare dal tuo paesino ad una realtà così, sono stati difficili. si fanno sacrifici per un sogno. L’allontanamento da casa è stato duro, anche se ora abito lì. Sono riuscito a superare i problemi grazie a Bolis e Francesca Luiso che mi hanno aiutato tantoHo sempre avuto spirito di sacrifico. Sono sempre stato un panchinaro e devi abituarti a giocare per la squadra. Lo spirito di gruppo ed il coraggio sono stati importanti. Senza mia mamma, forse, non sarei qua. Ha fatto tanti sacrifici per farmi vivere il mio sogno. Ha fatto grandi sacrifici per me“. Sul settore giovanile ha poi dichiarato:Ho fatto tanti anni nel settore giovanile. Filippo Galli e Antonello Bolis mi hanno aiutato tanto. Ho avuto tante persone che mi hanno aiutato. Ringrazio tutti perché se sono qui, è merito di tutti. La vittoria del Viareggio? E’ stata una grande soddisfazione perché ho giocato sempre, tutte le partite. La finale di coppa Italia con la Juve, pur essendo andata male, è un grande ricordo insieme all’esordio in prima squadra. I compagni che non sono arrivati? Siamo ragazzi coetanei, sono loro che possono dare consigli a me. Io ho avuto la fortuna di arrivare a coronare il mio sogno“.

Direttamente da Coverciano le parole di Lapadula e Locatelli, convocati dal Ct Ventura per lo  stage con la nazionale maggiore.

GIANLUCA LAPADULA

Lapadula sul derby:  “Il mio primo derby è stato una bellissima emozione. C’è un po’ di rammarico per il risultato ma il lapadula.milan.braccia.aperte.2016.2017.356x237Milan ormai sta diventando ed è una bella realtà italiana. Peccato aver preso gol all’ultimo minuto ma stiamo facendo un bel lavoro. Il mio ritorno in azzurro? E’ sempre una chiamata che fa molto piacere, si vede già che siamo un bel gruppo, ci conosciamo già, quindi in questi giorni saremo più facilitati nel lavorare“. L’attaccante su Berlusconi:  “Il presidente ha rappresentato il Milan e lo rappresenta anche adesso, per molti anni è stato un simbolo. E’ normale che avere vicina una persona così sarebbe un’arma in più. Molto bella la coreografia, vederla dal campo è stata da pelle d’oca. Berlusconi nel dopo partita ci ha fatto i complimenti e ci ha detto di continuare con questo atteggiamento che arriveranno i risultati“.

MANUEL LOCATELLI

Locatelli sul pareggio nel derby. “C’è un po’ di amarezza, però abbiamo fatto una bella partita e siamo contenti di questo. Entrambe le squadre escono bene dal derby e sono forti“. Sulla convocazione per lo stage di Coverciano:  “Questa convocazione è un’emozione grandissima, speriamo in questi giorni di fare bene, sono molto contento di essere qui. In questi due giorni di ritiro ci alleneremo al meglio e ci faremo conoscere dal c.t., dobbiamo dimostrare le nostre qualità e metterci a disposizione del tecnico e dei compagni“.

SUSO

Suso3Dopo essere stato il grande protagonista domenica sera nel derby contro l’Inter, Suso ha rilasciato una bella intervista ai microfoni di Onda Cero. Sulla stagione del Milan: “Ci siamo posti l’obiettivo di tornare a giocare in Europa, al momento pensiamo solo a questo e a giocare partita per partita. Quello che abbiamo fatto finora non sarà servito a nulla se nelle prossime gare raccoglieremo cattivi risultati“. Sul Montella: “Per il momento va tutto bene, stiamo facendo le cose con criterio e anche l’allenatore sta azzeccando tutto. Dopo tanti anni di problemi, era importante che qualcuno trovasse la formula giusta per rendere di nuovo competitivo il Milan e Montella ci è riuscito. Mi ha sorpreso molto per come ha puntato sui giovani, a lui non interessa l’età se possono dare un giusto contributo alla squadra. Siamo un Milan molto giovane, diverso dagli altri, si dice che in Italia questo può essere pericoloso ma stiamo dimostrando che non è così e dobbiamo proseguire su questa strada“. Su Donnarumma: “Donnarumma è molto bravo, ha tutte le qualità di un grande portiere nonostante sia giovanissimo. E’ chiaro che se resta a questi livelli, sarà un calciatore molto importante”. Su Locatelli: “Anche Locatelli gioca molto bene, l’importante è che non si rilassi e continui a lavorare“. Sui suoi idoli: “Zidane e Ronaldinho erano i miei idoli, la loro classe, la loro magia sono sempre state una fonte d’ispirazione per me“. Sul tornare a casa a piedi dopo la doppietta nel derby: “Quello era un modo di dire, un esempio di qualcosa che sembrava molto improbabile. Ma sappiamo come è andata. Giocare il derby a Milano è una delle cose più belle che possano capitare a un calciatore. Quando ho fatto il mio debutto con Inzaghi al Milan, ho giocato contro l’Inter e ho sentito l’emozione di uno stadio intero al fianco della squadra. Si tratta di un incontro speciale, non c’è dubbio“. Sugli spagnoli in Serie A: “Per me il calcio italiano è il più difficile di tutti. Il più tattico e rigoroso. Le squadre sono bloccate ed è molto difficile giocare contro di loro. Ma mi sono adattato fin dal primo momento. Sia a Genova che a Milano mi sentivo a mio agio in questo tipo di calcio. E’ dai tempi di Liverpool che gioco a destra, pur essendo mancino: mi adatto bene e continuo a migliorare“. Sulla Nazionale spagnola: “E’ una buona notizia che Lopetegui sia il nuovo CT: pochi allenatori mi conoscono meglio di lui. Voglio continuare a lavorare così in modo da poter ottenere la chiamata in futuro. Speriamo“.

M’BAYE NIANG

M’Baye Niang ha rilasciato questa bella intervista ai microfoni di Milan TV: Sul derby: “E’ stata una bella partita, c’era un Niang1bell’ambiente allo stadio. Dispiace aver preso gol alla fine, ma questa partita ci deve servire per migliorare. Abbiamo ampi margini di miglioramento. L’Inter ha fatto una bella gara, ci hanno pressato alti. Dispiace aver preso gol all’ultimo minuto, ma abbiamo una bella classifica e ora pensiamo già all’Empoli”. Sui tifosi: “Sono stati fantastici, ci hanno aiutati dal primo all’ultimo secondo. I nostri sono i tifosi più belli in Italia, ci sono stati sempre vicino e li ringrazio. Spero di vedere spesso San Siro così pieno”. Sulla coreografia: “Il presidente se lo merita, fa parte della storia del Milan. E’ stata una bella emozione”. Su Suso: “E’ tornato a casa in macchina perché pioveva (ride, ndr). Fin dal primo giorno abbiamo visto che aveva grandi qualità. E’ giovane e come tutti i giovani ha bisogno di continuità e fiducia per rendere al meglio. Suso sta attraversando un ottimo periodo, speriamo ci aiuti sempre a vincere”. Sul suo momento: “Non mi sento un titolare inamovibile, se voglio continuare a giocare devo continuare a fare bene e a dare risposte al mister”. Sul rapporto con Caccia: “Stiamo lavorando molto, abbiamo un rapporto speciale. Lui ha grande fiducia in me. Gli ho promesso un gol di testa e lo farò”. Sui calci di punizione: “I calci piazzati sono molto importanti. Cerco di lavorare anche su queste situazioni, spero di migliorare ancora tanto e completarmi ancora di più”. Sulla sua crescita: “Con l’esperienza si cresce, sono giovane e quindi devo ancora imparare tanto dai più esperti”. Sul Milan dei giovani: “Siamo in tanti, ma ci sono anche diversi giocatori esperti che ci aiutano molto. Siamo un bel mix”. Sull’Empoli: “L’Empoli non merita questa classifica, è una squadra molto organizzata. Dobbiamo affrontarli nello stesso modo in cui abbiamo affrontato Juventus e Inter. Servirà molta convinzione e umiltà”.

fonte Milan News

FANTAPILLS

fantapills_03

Lapadula: si è fermato Bacca, occasione da sfruttare al volo, per l’ex del Pescara.

– Niang: il francese sembra aver perso lo smalto delle prime giornate. Non è al 100%, potreste valutare le vostre alternative e lasciargli un turno di riposo. 

– Suso: l’uomo copertina del derby. In forma smagliante, il suo sinistro a giro è pronto a far esultare i suoi fantallenatori.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy