Juventus, Allegri: “Ho deciso io di mandare Bonucci in tribuna”

Nella conferenza stampa pre-Porto, il tecnico bianconero ha spiegato le ragioni che lo hanno spinto a punire con la tribuna Bonucci a seguito della lite avvenuta in campo durante Juventus-Palermo.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

La violenta lite verbale tra Massimiliano Allegri e Leonardo Bonucci durante Juventus-Palermo dello scorso venerdì (tra i due sono volati pesanti insulti, ndr) ha avuto gravi conseguenze per il difensore bianconero: infatti, il tecnico livornese ha deciso di punirlo spedendolo in tribuna nell’andata degli ottavi di Champions League contro il Porto, in programma domani sera. Queste le motivazioni date da Allegri poco fa nella tradizionale conferenza stampa della vigilia.

Domani Bonucci va in tribuna, ma la questione non si è ingigantita dopo la partita. Sono cose che capitano in una stagione, ma era giusto che prendessi questa decisione per rispetto alla società, ai tifosi e alla squadra. E qui il caso è chiuso. Sabato mattina ci siamo visti e ho comunicato la mia decisione: è una mia decisione non della società, io ho il diritto di decidere su tutti i giocatori. Ho parlato con Leo che ha capito quello che è successo: questo servirà per il futuro. Anch’io ho avuto una reazione spropositata, un comportamento fuori dalle righe che non si addice a me e non si addice alla Juventus e per questo, d’accordo con la società, ho deciso di fare una donazione e la prossima settimana farò sapere a che ente andrà. Perché Bonucci è stato punito e gli altri prima di lui no? Semplice, perché come al solito c’è uno che paga per tutti: è stato sfortunato perché non è stato il primo a sbagliare”.

BUFFON SUL CASO BONUCCI

Poco prima di Allegri, lo stesso Gianluigi Buffon aveva fatto intendere la scelta dell’allenatore e aveva ammonito il compagno di reparto con questo parole: “Per Bonucci non so, non ho idea, il Mister non ha dato formazioni. L’unica cosa che si può dire che quando si è un giocatore importantissimo, trainante e di grande talento come Bonucci, bisogna anche essere i primi a sacrificarsi per il bene della squadra e per la salvaguardia di determinati equilibri e valori. Leo è molto intelligente, tiene al gruppo e incarna lo stile Juve e non avrà alcuna difficoltà ad affrontare qualsiasi tipo di decisione. Così facendo, potrebbe dare anche un segnale importante”.

ALLEGRI E I TITOLARI CON IL PORTO

Per quanto riguarda invece la formazione di domani, Mister Max ha svelato qualche tassello abbastanza prevedibile: “Vi do solo quattro nomi e non chiedetemene altri: Cuadrado, Higuain, Dybala e Mandzukic. Barzagli e Chiellini stanno bene e tra l’altro ho portato tutti i ragazzi qui a Oporto, anche se in quattro andranno in tribuna: bisogna stare tutti insieme perché è un momento molto intenso della stagione. Pjanic? Domani gioca”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy