Juventus, Allegri: “Gioca di nuovo Neto. Higuain? Ha già rotto il ghiaccio in Campionato contro il Napoli”

Juventus, Allegri: “Gioca di nuovo Neto. Higuain? Ha già rotto il ghiaccio in Campionato contro il Napoli”

Il tecnico bianconero è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell’andata della semifinale di Coppa Italia contro il Napoli.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Archiviata la 26a giornata di Serie A con la vittoria sull’Empoli, la Juventus si è buttata a capofitto nella preparazione dell’andata di TIM Cup contro il Napoli, in programma domani sera allo Stadium. A tal proposito, Massimiliano Allegri ha da poco incontrato i giornalisti nella sala stampa del Training Center di Vinovo, fornendo alcune indicazioni tattiche sull’undici titolare che affronterà la squadra di Sarri e soffermandosi ancora una volta sul suo futuro. Vediamo dunque le sue principali dichiarazioni in merito.

“Domani troveremo un Napoli rabbioso per la sconfitta con l’Atalanta di sabato, ma non è che in tre giorni ha perso tutto quello di buono che ha fatto in questi due anni. Buffon o Neto in porta? Gioca Neto di nuovo: ha giocato sabato con l’Empoli e finora ha sempre fatto ottime partite, fa il secondo portiere alla Juventus perché ha davanti Buffon, altrimenti giocherebbe come primo portiere ovunque. Quali saranno i difensori centrali? Ne ho cinque a disposizione e oggi valuto: sicuramente Rugani riposerà e dovrò scegliere tra Barzagli, Bonucci, Chiellini e Benatia. Gli esterni saranno Lichtsteiner e Asamoah. Per il resto, ci saranno dei cambi nella formazione e oggi valuterò quali saranno. A metà campo Pjanic direi che si è riposato abbastanza, Khedira viene da molte partite, Marchisio va valutato, mentre Rincón e Sturaro stanno bene. Con Dybala il 4-2-3-1 è migliore? Dybala ci dà geometrie e più linee di passaggio, ha più qualità tecnica, ma non posso farlo giocare sempre perché anche lui deve recuperare. Quando non gioca Paulo forse perdiamo queste caratteristiche, ma l’essenziale è che non perdiamo solidità e compattezza in mezzo al campo. Pjaça titolare? Oggi valuto se farlo partire dall’inizio, ma domani è una partita dove anche i cambi saranno fondamentali. Higuain? Ha già rotto il ghiaccio in Campionato contro il Napoli. Gonzalo ha sempre bisogno di giocare, sta facendo molto bene e noi siamo molto contenti. Turnover a ogni gara? Il fatto che ho una rosa importante e che ora tutti sono in buone condizioni mi dà una grossa mano nel gestirli: se faccio giocare sempre gli stessi finisce che ci arriviamo morti. Domani c’è il Napoli e scenderà in campo la migliore formazione per affrontare il Napoli. Finita questa partita valuterò i vivi e i morti: i morti non giocheranno la successiva, i vivi sì. Non faccio scelte sulla base di quello che ci sarà fra due domeniche. Il triplete? Parliamo di cose serie. Cerchiamo solo di riempire il calendario il più possibile perché ci si annoia a non avere partite in mezzo alla settimana. Per ora abbiamo 15 partite sicure da giocare, 12 in Campionato, 2 in Coppa Italia con il Napoli e il ritorno degli ottavi di Champions. Poi si vedrà. Se oltre all’inglese, sto imparando anche lo spagnolo per un eventuale futuro in Liga? A scuola facevo fatica a imparare l’italiano perché ci sono andato poco. Con il tempo ho cercato di migliorarmi con l’italiano, non di perfezionarmi perché la perfezione non esiste. Diciamo che ho imparato discretamente bene il torinese e questa è la cosa più importante“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy