Conferenza Juventus – Allegri: “Higuain ha la mano dolorante”

Il tecnico bianconero ha presentato la trasferta di Napoli contro la capolista.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Nessuno snodo scudetto, bensì un buon test in ottica Champions. Lo vede così Massimiliano Allegri il big match tra la sua Juventus e il Napoli primo in classifica e, nella tradizionale conferenza stampa della vigilia, lo ha ribadito a più riprese, ricordando ai giornalisti presenti che la stagione è ancora molto lunga. Il tecnico livornese si è poi soffermato sulle condizioni di Gonzalo Higuain e degli altri infortunati, nonché sui possibili schemi tattici da schierare in campo domani sera. Spazio infine per una frecciatina a Sarri e al bel gioco della sua squadra, nonché alla presunta lite in spogliatoio tra i bianconeri.

ALLEGRI SUGLI INFORTUNATI

Higuain ha la mano dolorante, non sta benissimo, ma potrebbe essere a disposizione. Al momento per lui parliamo di convocazione e non di titolarità o possibilità di giocare. Vediamo oggi, ma è inutile rischiare un giocatore per una partita, visto che ne abbiamo altre 30 da qui alla fine della stagione. Per quanto riguardo gli altri infortunati, Lichtsteiner è out, mentre Cuadrado si è ‘allenicchiato’ insieme a Bernardeschi. Ma diciamo che sono fiducioso per tutti”.

ALLEGRI SU DE SCIGLIO

“De Sciglio è un giocatore che si è perso un po’ negli ultimi anni per via di infortuni e situazioni in cui non ha reso al massimo. Oggi sta crescendo e sta facendo un buon percorso, aiutato dai grandi giocatori che ci sono alla Juventus”.

ALLEGRI SUI CENTRALI DI DIFESA

“Assieme a Chiellini, Höwedes ha più piede e qualità per giocare centrale, Barzagli ha dimostrato di saper giocare in più ruoli, Benatia deve essere più convinto delle qualità che ha perché ha piedi buoni ma a volte si perde nel nulla. Domani, a seconda di chi gioca davanti deciderò se scendere in campo con la difesa a 3 o a 4“.

ALLEGRI SU CENTROCAMPO E ATTACCO

“Ci può essere spazio per Matuidi, ma dipende sempre da chi gioca davanti, dove ho Cuadrado e Bernardeschi che stanno così così, mentre a Higuain hanno amputato una mano. Gli unici sani davanti sono Dybala, Mandzukic e Douglas Costa. Se oggi ne ho di più li metto, sennò ne metto uno in più dietro. Questo però non dovrà cambiare l’atteggiamento della squadra”.

ALLEGRI SULLA PRESUNTA LITE IN SPOGLIATOIO

“Quando ieri mi hanno riferito le voci che giravano, io speravo che si fossero picchiati in spogliatoio perché ogni tanto serve per alzare la tensione. E invece non è successo nulla. Speriamo accada tra un po’”.

ALLEGRI SUL NAPOLI

“Per noi la partita di domani è un buon test, soprattutto in vista dell’Olympiacos che è la prima vera partita della stagione perché da lì non possiamo scappare e abbiamo l’obbligo di qualificarci agli ottavi di Champions. Napoli non è un passaggio definitivo, è una partita di grande fascino e dovrà essere una bella serata di sport e di spettacolo: è una partita importante e noi dobbiamo affrontarla da grande squadra, avendo grande rispetto per il Napoli che è davanti a noi e al momento è favorita per lo scudetto. Non firmo assolutamente per il pareggio, perché domani abbiamo la possibilità di fare una grande partita e avere due risultati dalla nostra: la vittoria sarebbe ottima, il pareggio un buon risultato. Chi meno sbaglia ha più probabilità di portare a casa il risultato. Il bel gioco del Napoli? Alla fine contano solo quelli che arrivano primi. Il Napoli gioca un bellissimo calcio e hanno imparato velocemente a fare una fase difensiva che tra l’altro è sempre stata la forza di Sarri, fin dai tempi della Sangiovannese. Hanno capito che gli scudetti vengono vinti dalla miglior difesa. Noi al momento non siamo la miglior difesa, ma speriamo di vincere lo stesso o magari alla fine subiremo meno goal degli altri e saremo comunque la miglior difesa”.

ALLEGRI SU SARRI

Sarri una volta se la prende con il campo, una volta con il calendario, una volta con gli allenamenti in più degli altri, io ormai non gli sto più dietro perché secondo me è una tattica che fa per farmi andare in confusione. Io vi dico solo che a me piace che la squadra giochi ogni 3 giorni e non che si alleni di continuo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy