Conferenza Juventus – Allegri: “Con il Torino riposa qualcuno in attacco. Higuain? Ha completa fiducia”

Il tecnico bianconero ha presentato il sentito derby della Mole in conferenza stampa.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Voglia di vincere e confermarsi leader della classifica. Con questo spirito Massimiliano Allegri è intervenuto ai microfoni dei giornalisti alla vigilia del derby con il Torino, in programma domani sera alle 20:45 all’Allianza Stadium. Malgrado l’alone di mistero che aleggia sulla formazione che scenderà in campo titolare, l’allenatore della Juventus ha fornito diversi spunti fantacalcistici attraverso le sue dichiarazioni.

ALLEGRI SU HIGUAIN

“Con Higuain non è questione di gestione o spazio. Ha grande e totale fiducia da parte di compagni, allenatore, società e tifosi. Ha segnato poco finora, ma capita a tutti gli attaccanti, ma già mercoledì ha attaccato l’area molto meglio. Poi ci saranno partite in cui starà fuori lui, o starà fuori Mandzukic, o starà fuori Dybala, ma soltanto perché le partite sono tante e le energie vanno gestite”.

ALLEGRI SUGLI INFORTUNATI

“Non ho ancora fatto allenamento e non so chi giocherà, però posso dire chi sta fuori, ossia Höwedes che verrà valutato tra nei prossimi giorni, Marchisio che la settimana prossima farà i test, Khedira che è rientrato con la squadra e sarà a disposizione per mercoledì, Pjaça che procede con l’iter riabilitativo, e De Sciglio a cui sono state confermate le quattro settimane di stop. Höwedes? C’è la sosta e quindi, se proprio doveva infortunarsi, si è infortunato al momento giusto”.

ALLEGRI SULLA FORMAZIONE

“Barzagli domani non gioca perché ha fatto una bella partita mercoledì e siamo a distanza troppo ravvicinata nel giocare domani. Se riesco a farli recuperare, li ho più freschi per mercoledì. E poi il fatto di poter cambiare giocatori senza cambiare risultato fa crescere la sana competizione all’interno della squadra. Matuidi? Quando i calciatori giocano con tutti gli allenatori con cui lavorano vuol dire che hanno qualità importanti. Da quando è arrivato ha detto quattro parole, però fortunatamente in campo corre e ha intelligenza tattica e per un allenatore è sempre più facile lavorare con calciatori intelligenti. Credo sarà titolare domani perché ho soltanto lui, Pjanic e Bentancur. Bernardeschi titolare? Devo valutare le condizioni di Cuadrado che sta in ottima forma. Quando è entrato mercoledì, Federico ha messo minutaggio nelle gambe e quindi arriveranno anche per lui le partite in cui giocherà titolare. Rugani? E’ cresciuto molto dall’anno scorso, ma deve migliorare in malizia e nell’uno contro uno, deve acquisire più serenità e tranquillità nelle giocate in modo da garantire maggiore sicurezza alla squadra. Cambiamenti in attacco domani? Può darsi che uno lì davanti stia fuori domani, ma non per demeriti tecnici, bensì perché ci sono tante partite e servono calciatori sempre freschi”.

ALLEGRI SUL TORINO

“Il Torino ha completato una squadra, che già l’anno scorso era ottima, con calciatori che hanno caratteristiche solide e adatte al Toro. La partita di domani è importante per due cose, una perché è un derby e l’altra perché dobbiamo vincere. Belotti-Ljajic? Hanno qualità importanti a livello tecnico e fisico, ma io ho dei buoni difensori che possono giocarci contro. Niang? E’ giovane e ha bisogno di trovare un proprio equilibrio. Al Milan ha fatto bene a tratti, ma è un gran giocatore”.

ALLEGRI SU SE STESSO

“Sono l’allenatore della Juventus con più vittorie dopo Trapattoni e Lippi? Devono essere bravi i ragazzi a non rovinarmi la media: ecco perché bisogna sempre alzare l’asticella”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy