Casa Juventus: Rugani scalza un veterano nella difesa a 4?

Report del venerdì: la Juventus va alla ricerca di certezze dopo la sconfitta di Firenze, tra ritorno alla difesa a 4 e possibile ballottaggio di Barzagli o Bonucci con Rugani.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Amarezza per il passo falso in Campionato ed euforia per la prospettiva di un futuro sempre più roseo. Può essere sintetizzata così l’attuale settimana della Juventus, chiamata a metabolizzare la meritata sconfitta contro la Fiorentina e ad affrontare la platea mondiale attraverso l’apertura della società verso nuovi mercati (alberghiero, tecnologico, ristorativo sono solo alcuni degli esempi, ndr.), il cui primo passo è stata la presentazione del nuovo logo bianconero. Un nuovo logo che, pur entrando in vigore ufficialmente da luglio 2017, dovrà comunque iniziare a essere onorato sul campo dalla squadra, a iniziare proprio dal lunch match casalingo contro la Lazio (in programma domenica 22 gennaio alle 12:30), da cui i Campioni d’Italia in carica dovranno necessariamente uscire vittoriosi. Basta dunque approcci errati e atteggiamenti remissivi nei confronti di qualsivoglia avversario: è ormai prerogativa di Massimiliano Allegri, che inevitabilmente in questi giorni secondo alcuni media nazionali è stato di nuovo a un passo dal dare le dimissioni, insegnare alla sua Juve a giocare sempre da Juve, anche se ciò dovesse voler dire rinunciare a qualche veterano autore di una pessima prestazione in Toscana, a vantaggio di giovani e promettenti leve come Daniele Rugani.

JUVENTUS: REPORT ALLENAMENTO

La disfatta fiorentina ha convinto Allegri a riprendere immediatamente la preparazione con i suoi ragazzi, che già lunedì mattina hanno svolto normale seduta defaticante, per coloro che sono stati impiegati contro la Viola, e seduta atletica per il resto del gruppo. In serata si è poi volati tutti a Milano per prendere parte all’evento “Black and White and More” organizzato dalla società bianconera al fine di presentare i progetti futuri, nonché il nuovo logo della Juventus, già bersaglio di numerose critiche di una buona parte della tifoseria. A seguito del gala milanese, dunque, il tecnico bianconero ha concesso una giornata di riposo ai suoi calciatori, che mercoledì mattina sono tornati a sudare tra le mura del Training Center di Vinovo: una seduta interamente incentrata sul pallone, con esercizi di controllo, tocco e velocità di passaggio, seguiti a una sessione di riscaldamento intenso. Buona parte di tali esercizi sono stati poi replicati giovedì mattina in una nuova seduta tecnico-atletica. Questa mattina, invece, si passerà alla preparazione tattica della sfida casalinga contro la Lazio. Nei vari allenamenti Mister Max ha avuto tutta la rosa a disposizione, fatta eccezione degli africani impegnati con la competizione continentale (Benatia e Lemina stanno disputando la Coppa d’Africa assieme alle rispettive Nazionali, Marocco e Gabon, ndr.) e di Dani Alves ancora alle prese con il differenziato, oltre che del lungodegente Mandragora.

JUVENTUS INTERVISTE: HIGUAIN, PJAÇA E MARCHISIO

In occasione di una presentazione Nike, di cui è testimonial assieme ad altri big del calcio mondiale, Gonzalo Higuain ha parlato dell’indigesta sconfitta contro la Fiorentina e si è soffermato su alcuni argomenti scottanti: “Non dobbiamo più permetterci partite di questo genere in trasferta. Dobbiamo avere la stessa rabbia che esprimiamo nelle partite casalinghe. Tuttavia, in generale, finora il bilancio non può che essere positivo. Le critiche nei mie confronti? Dopo sette anni al Real Madrid sono abituato. Il mio ritorno a Napoli? Saranno i tifosi a decidere come accogliermi, io sono tranquillo. Dybala? Voglio avere sempre uno come lui al mio fianco!”.

Ai microfoni di JTv è intervenuto invece un altro attaccante, quel Marko Pjaça spesso indicato da Allegri come il vero grande acquisto di gennaio: “Sono felice, è bello essere tornato. La gamba non mi fa più male, ora devo lavorare per trovare il ritmo partita. Sono orgoglioso delle parole del Mister su di me: io penso a impegnarmi il più possibile per farmi trovare pronto. Il Campionato italiano è difficile, specie nella ricerca degli spazi, devi fare molto movimento. I nostri obiettivi? Vogliamo vincere lo scudetto, la Coppa Italia e andare più avanti possibile in Champions League. La Lazio? Sarà importante ricominciare nel modo migliore. Saremo davanti al nostro pubblico, che regala sempre una grande atmosfera, e dovremo concentrarci su quello che sappiamo fare, preparare bene il match e ovviamente vincere”.

Il pensiero dell’argentino e del croato è condiviso anche da Claudio Marchisio che, fresco di compleanno, ha dichiarato: “Abbiamo esami ogni tre giorni. Domenica non è stata una buona prestazione, ma dobbiamo guardare avanti perché bisogna essere pronti a tutto. Dobbiamo pensare al lavoro quotidianamente per migliorarci, partita dopo partita. Nel 2017 quello che si aspettano tutti, noi compresi, è che continuiamo ad alzare trofei importanti: siamo felici dei cinque scudetti di fila, ma il nostro obiettivo è quello di non fermarsi mai e migliorarsi sempre, nel quotidiano”.

JUVENTUS: REPORT INFORTUNATI E SQUALIFICATI

Alex Sandro: squalifica di un turno a seguito del giallo rimediato nella gara di domenica scorsa contro la Fiorentina (era diffidato, ndr).
Stefano Sturaro: squalifica di un turno a seguito del giallo rimediato nella gara di domenica scorsa contro la Fiorentina (era diffidato, ndr).
Mario Lemina: probabile frattura da stress al piede patita in Coppa d’Africa. Si attende il comunicato ufficiale della Juventus in merito alla vera entità del suo infortunio e gli eventuali tempi di recupero.
– Dani Alves: frattura composta del perone sinistro. Recupero indefinito.
– Rolando Mandragora: procede il recupero del centrocampista dopo la frattura al quinto metatarsale del piede destro. Indisponibile almeno fino a fine mese: nella conferenza stampa pre-Fiorentina Allegri ha dichiarato che a breve Mandragora ritornerà ad allenarsi con il gruppo.
Federico Mattiello: frattura alle ossa nasali proprie patita in partitella con la Primavera. Dopo l’intervento chirurgico di riduzione della frattura, Mattiello ha ripreso l’attività agonistica avvalendosi dell’uso di una mascherina protettiva.

FANTAPILLS

fantapills

Difesa: rientrato Lichtsteiner dalla squalifica, assolutamente prevedibile e comprensibile il ritorno alla difesa a 4, soprattutto vista la brutta prestazione della BBBC contro la Fiorentina. Allo svizzero, quindi, dovrebbero aggiungersi Asamoah terzino sinistro e la coppia di centrali formata da Barzagli e Bonucci, davanti a un Capitan Buffon che vorrà sicuramente rifarsi dopo i due goal presi a Firenze. Ciononostante, non è tanto un azzardo pensare a Rugani quale sostituto di uno dei due centrali…

Centrocampo: come conseguenza della retroguardia a 4, a metà campo si dovrebbero riaffacciare i tre interpreti. Tuttavia, dalla disastrosa debacle fiorentina il solo Sturaro è uscito meno malconcio degli altri suoi compagni di reparto, ma per questo turno è squalificato. Per tale ragione, è probabile che Allegri opti per un Khedira-Rincón-Marchisio, per dare a quest’ultimo un po’ di respiro dalle responsabilità del regista facendolo tornare nel suo ruolo naturale, alla luce soprattutto dell’affanno mostrato in quel di Firenze.

– Trequartista: sperando che si sia ripreso dagli acciacchi patiti durante la rifinitura pre-Fiorentina, Miralem Pjanic si riapproprierà del ruolo in cui ha dimostrato di poter regalare gioie a tutti i suoi fantallenatori.

Attacco: nonostante sembri accendersi ancora ad intermittenza, tanto da essersi nuovamente divorato il goal del pareggio contro la Fiorentina, Dybala sembra essere ancora il principale indiziato quale partner d’attacco di Higuain, che anche nella sconfitta toscana è stato fautore di bonus.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy