Inter, De Vrij e Skriniar perdono colpi e la difesa non è più un muro

De Vrij e Skriniar rappresentano due tra i migliori difensori della Serie A, ma di recente il reparto difensivo dell’Inter non ha convinto fino in fondo.

di Patrizia Monaco
De Vrij e Skriniar Inter 2018

La prima parte di questa stagione ci ha regalato poche certezze e non ci riferiamo all’egemonia calcistica della Juventus, padrona incontrastabile del nostro campionato, bensì alla tenuta difensiva dell’Inter, tra le maggiori candidate per il ruolo di anti-Juve.

Per diverse settimane, la coppia centrale composta da De Vrij e Skriniar ha saputo tenere testa a tutti i reparti offensivi della squadre di Serie A, riuscendo a supportare Handanovic che ha finora collezionato ben sette clean sheet. Anche in Europa la difesa si è comportata più che bene, ma se andiamo a vedere le ultimissime gare disputate dai nerazzurri, possiamo constatare quanto la difesa dell’Inter non stia più dando quelle garanzie che invece stavano rappresentando una costante lietissima.

INTER, DAI CLEAN SHEET DI HANDANOVIC ALLA DISFATTA DI BERGAMO

Il crollo più importante e più evidente, sotto questo punto di vista, è arrivato nella trasferta contro l’Atalanta: sul campo di Bergamo, la squadra di Spalletti è crollata sotto i colpi del Papu Gomez e compagni e deve ringraziare Handanovic se i gol subiti siano stati “soltanto” quattro. Dopodiché c’è stato il Frosinone in casa e la gara di Champions, durante la quale l’Inter ha perso 1 a 0 in casa contro il Tottenham. Infine, domenica scorsa, è stata la Roma a mettere a segno ben due gol contro l’Inter, costringendo così i nerazzurri ad analizzare e lavorare con maggiore attenzione sui difetti emersi di recente.

Sulla flessione difensiva, De Vrij ha detto: “Non è cambiato nulla, semplicemente stiamo affrontando una serie di squadre molto forti. L’intesa con Skriniar può ancora migliorare ma venerdì per noi non sarà un esame, poiché tutte le partite sono ugualmente importanti“.

A non aiutare, inoltre, sono stati anche gli infortuni che hanno toccato proprio il reparto difensivo dell’Inter: innanzitutto Spalletti ha dovuto fare i conti prima con i continui acciacchi che hanno afflitto Vrsaljiko, e poi con l’infortunio di Dalbert. Inoltre, anche l’assenza di Nainggolan ha pesato non poco sulla manovra difensiva dell’Inter, poiché il belga sa bene come bloccare sin da subito le ripartenze degli avversari.

Certo, dubbi e insicurezze non rappresentano gli elementi migliori per prepararsi al big match di questa sera che vedrà la formazione di Spalletti impegnata a Torino contro la Juventus. Il derby d’Italia metterà ulteriormente alla prova la difesa nerazzurra, chiamata a dare il meglio di sé e a dimostrare tutto il proprio valore e la propria maturità. Di fronte ci sarà un certo Cristiano Ronaldo e lui sì che non perdona alcuna distrazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy