Conferenza Inter – Spalletti: “Ho tre giocatori da valutare”

Conferenza Inter – Spalletti: “Ho tre giocatori da valutare”

Il tecnico nerazzurro ha presentato la trasferta a Bergamo contro l’Atalanta.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

L’Inter è in procinto di affrontare due match importanti, vale a dire l’anticipo serale di questo weekend contro l’Atalanta e il match casalingo infrasettimanale contro il Cagliari, che potrebbero aiutare i nerazzurri a mantenere il distacco in classifica sul Milan e a blindare così un posto in Europa. Pertanto, il tecnico nerazzurro Luciano Spalletti ha invitato i suoi ragazzi a scendere in campo con la giusta mentalità, malgrado le probabili defezioni nell’undici titolare.

LE PAROLE DI SPALLETTI

Sulla formazione: “Domani dobbiamo fare risultato e visto che ci sarà il derby, la classifica è a portata di mano. Sono da valutare Vecino, Candreva e Miranda. Sono situazioni che ci portiamo dietro da un po’ di giorni. Anche l’Atalanta avrà assenze. Tutti abbiamo le nostre defezioni a questo punto”.

Su Rafinha: “Rafinha a centrocampo? Dobbiamo stare attenti, ma è una soluzione percorribile. A lui piace toccare molto il pallone, abbassarsi per ricevere. E’ un buon calciatore che ci può dare una mano importante, ma l’Inter ha saputo e sa cavarsela anche senza gli stessi calciatori. Lui è un calciatore forte, con una condizione corretta per essere scelto in formazione”.

Sui diffidati che potrebbero saltare l’infrasettimanale in caso di ammonizione: “Sono cose che bisogna lasciare scorrere e far sì che si prendano delle precauzioni al momento. Diventa difficile programmare ammonizioni o pensare quando possano venire. Quello che diventa fondamentale è sempre il comportamento di squadra, la qualità di squadra, quello che hai sempre esibito. La cosa più importante forse è l’equilibrio e la fase difensiva, perché poi di conseguenza scaturiscono i goal”.

Su Dalbert: “Penso sia giusto arrivare in fondo al Campionato e valutare. Vediamo che cosa viene fuori da queste ultime gare. E’ un buon ragazzo, ha qualità, reattività, corsa e un sinistro paragonabile a quello di calciatori importantissimi. Io non l’ho aiutato, ma devo stare attento ad aiutare tutta l’Inter. Sono valutazioni che faremo con la società e con lo stesso ragazzo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy