Conferenza Inter – Spalletti: “Candreva va rivisto oggi”

Conferenza Inter – Spalletti: “Candreva va rivisto oggi”

Il tecnico nerazzurro ha presentato l’anticipo della 33a giornata contro il Cagliari.

di Fabiola Graziano, @grazianofaby

Il pareggio a reti inviolate con l’Atalanta ha attirato nuovamente le critiche sull’Inter di Luciano Spalletti che, approfittando della conferenza stampa indetta alla vigilia del turno infrasettimanale contro il Cagliari, ha anche fatto luce sulla scarsa concretezza sotto porta della sua squadra nel 2018.

LE PAROLE DI SPALLETTI

Su Rafinha: “Secondo me sta bene. Quando si passano periodi con lunghi infortuni serve un po’ di tempo per recuperare il ritmo vero. Poi c’è la valutazione interna, non solo quella della partita precedente”.

Sul reparto arretrato: “Difesa a tre o a 4 sono sempre tranquillo. Devo dare dell’imprevedibilità, devo far creare più occasioni ancora. Il Cagliari nella fascia centrale ha 8 giocatori e di lì ci devi passare. Sbrogliare quella matassa di calciatori non è facile. Bisogna non dargli la possibilità di essere in superiorità numerica lì dentro. La difesa a 4 si può rifare, ci ha dato tanti benefici, ma bisogna lasciare andare di più i terzini. Si può giocare in tutti e due i modi, l’equilibrio della squadra fa la differenza”.

Su Candreva: “Va rivisto oggi, ha lavorato con la squadra”.

Su Karamoh: “L’ho messo un po’ tardi a Bergamo, ma la partita non era facile. Lo potevo mettere un po’ prima. E’ un bravo ragazzo e ci potrà servire”.

Sui pochi goal segnati nel 2018: “Il Benevento ha fatto più gol di noi nel 2018? Ve lo ribalto. Lazio, Napoli e Juve, che lo hanno fatto sempre anche negli altri anni. La Lazio per fare tutti questi quanti ne ha presi? Qualcosa va bene anche nelle nostre analisi. Se i numeri sono questi, vuol dire che abbiamo tirato fuori qualcosa d’altro. E poi ne abbiamo fatti come la Roma. Noi i gol li abbiamo fatti, e sembra che non ne facciamo se si parla solo di questo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy