Conferenza Inter – Pioli: “Rosa ancora troppo ampia”

Consueta conferenza pre-partita per il tecnico nerazzurro alla vigilia del match casalingo contro il Chievo.

di Stefano Chillura, @stanchill

Domani sera a San Siro l’Inter cercherà di continuare la sua marcia di avvicinamento al terzo posto, dopo le 4 vittorie consecutive ottenute a cavallo tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017. Nella conferenza pre-gara Stefano Pioli si è soffermato sia sui singoli, che sulla squadra.

PIOLI E LO STATO DELLA SQUADRA

“Siamo solo a metà del percorso, credo ci sia ancora tanto da fare e il lavoro quotidiano debba darci certezze per essere competitivi fino al 28 maggio. Credo che la squadra stia migliorando e che abbia altri margini. Col lavoro che stiamo facendo possiamo proseguire, se vogliamo raggiungere quelle posizioni: il livello deve essere alto. L’anno scorso l’Inter era terza a 39 punti e la Roma è arrivata terza con 80 punti. Perciò quest’anno nel girone di ritorno serviranno tanti punti. Alla fine vedremo quante partite avremo vinto, l’Inter ha la qualità per vincerne tante. Dobbiamo migliorare nella continuità nei 95 minuti. In qualche frangente siamo poco squadra e non sempre leggiamo le situazioni con lucidità. L’Inter le sue certezze deve metterle in campo ogni giorno, il lavoro quotidiano te le dà. Poi l’Inter deve solo pensare a vincere se vogliamo migliorare la classifica. Domani avremo un’altra occasione, la striscia è interessante ma va migliorata perché stiamo rincorrendo”.

PIOLI E IL CHIEVO

“E’ una squadra che sbaglia poche partite: l’ha sbagliata domenica scorsa, ma è una squadra esperta, solida, difficile, che prima di domenica scorsa aveva la terza miglior difesa del Campionato. Dovremo essere lucidi e muoverci bene sul campo, giocando un calcio pulito e preciso”.

PIOLI E IL MERCATO

“Il gruppo è ancora troppo numeroso, ma la società è consapevole: lavoreremo per sfoltire questa rosa”.

PIOLI E I SINGOLI

Gagliardini è importante perché ha qualità, è pronto e può dare energie alla squadra e grandi prospettive future. E’ pronto per giocare sia fisicamente che psicologicamente. Gagliardini ha entrambe le doti (tecnica e fisico, ndr). Siamo soddisfatti del suo arrivo. La sua qualità migliore è il senso della posizione, importantissima per un centrocampista. Gagliardini ha un senso della posizione innato, gioca un calcio semplice ed efficace, ha fisicità e può darci tanta energia. E’ a disposizione per il presente e per il futuro dell’Inter.
Medel sarà tra i convocati e dopo la rifinitura faremo le nostre scelte: la sua duttilità mi può fare comodo, è un giocatore affidabile in entrambi i ruoli. Sceglieremo la miglior posizione per lui e per la squadra.
Nella fase offensiva siamo in 7, con Pinamonti che sarà in pianta stabile con noi. Credo che sia un buon numero e ci sarà spazio per tutti. Basta che tutti diano il 100% ogni giorno.
Gabigol ha le stesse possibilità di tutti i suoi compagni: sono contento dei giocatori che ho al momento, quindi resta“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy