Casa Inter: dall’Europa tornano le certezze Handanovic e Candreva

Casa Inter: dall’Europa tornano le certezze Handanovic e Candreva

Report del venerdì: tutte le ultime news dalla sede nerazzurra.

di Marco Grano

A volte le sfide europee possono servire per ritrovare fiducia, e così è stato per la squadra di Frank de Boer che nonostante una prova non proprio brillante ottiene la sua prima vittoria in Europa League. I protagonisti della gara sono due: Candreva e Handanovic. Il primo firma la rete della vittoria con un sinistro all’incrocio da attaccante navigato, il secondo si toglie gli abiti da Clark Kent ed indossa il mantello: se l’Inter oggi non ha abbandonato le speranze di passaggio del turno, gran parte del merito va al portiere serbo. Il rovescio della medaglia è un gioco ancora troppo stentato ed una difesa ballerina che continua a soffrire, soprattutto sulle palle inattive. La sfida di domenica a Bergamo apre un trittico di gare di Campionato che l’Inter non può steccare: per farlo de Boer dovrà lavorare molto su questo aspetto.

INTER: REPORT ALLENAMENTO

Nel day after Inter-Cagliari, ad Appiano Gentile, la squadra di Frank de Boer si è divisa in due gruppi: lavoro in palestra per i giocatori maggiormente impiegati nella partita di Campionato, sul campo per gli altri. Il giorno successivo è iniziata la preparazione in vista della sfida di Europa League, con l’Inter che si è allenata nel pomeriggio con esercizi di tecnica e lavoro atletico. Sempre nel pomeriggio si è svolta l’ultima sessione di lavoro alla vigilia della sfida al Southampton: i nerazzurri, dopo una fase di riscaldamento, hanno svolto una serie di torelli e partitelle a tema sul campo.

INTER: REPORT EUROPA LEAGUE

RISULTATO: Inter-Southampton 1-0

Tanta, troppa sofferenza per la terza uscita dell’Inter in Europa League, ma alla fine arriva la prima vittoria del girone. La rete decisiva è stata realizzata da Antonio Candreva, che è bravo a trasformare in gol un traversone basso di Santon. La formazione messa in campo da de Boer è un mix tra titolari e prime alternative, con il ritorno dal primo minuto di Nagatomo e, soprattutto, di Brozovic. Per il croato è però un rientro dal sapore amaro, visto il doppio giallo rimediato con due falli in meno di venti minuti durante la parte centrale del secondo tempo. Nel tridente, insieme ad Icardi e Candreva, il tecnico olandese ha scelto Eder per la fascia sinistra.

Nel primo tempo il Southampton è padrone del campo, ma non è abbastanza cinico per passare in vantaggio sciupando due clamorose occasioni. Nella ripresa gli inglesi calano di ritmo e forza atletica. L’Inter ne approfitta per venire fuori fino al gol vittoria di Candreva, che, rete a parte, non è brillantissimo come suo solito. Sufficiente Icardi per il lavoro svolto, ma non riesce a trasformare una ghiotta occasione fornita da Eder. Mentre è da incorniciare la prova di Handanovic, che con due miracoli permette ai nerazzurri di portare a casa i primi tre punti europei.

Al termine della gara Frank de Boer ha parlato ai microfoni di SportMediaset: “Dobbiamo vincere ogni partita  e avremo la possibilità di andare avanti. Il Southampton ha giocato con grande disciplina. Noi abbiamo giocato un brutto primo tempo, ma nel secondo abbiamo giocato meglio noi e abbiamo vinto con un gol fantastico di Candreva. L’espulsione di Brozovic ci ha messo in difficoltà, ma devo fare i complimenti ai ragazzi. Per me è importante giocare insieme, compatti. Non si può sempre pressare alti, oggi siamo stati disciplinati. Sapevamo che il Southampton è una squadra forte, anche nella mentalità. Handanovic? Abbiamo un portiere fantastico. E’ importante costruire il gioco da dietro, e che i terzini stiano alti, quindi le ali devono stare tra le linee per mettere in difficoltà gli avversari. Possiamo migliorare su tutto. Nel secondo tempo siamo andati in campo con meno paura, e abbiamo cercato di giocare meglio il pallone”

Anche Candreva è intervenuto ai microfoni di SportMediaset: “Sono tre punti fondamentali, perché abbiamo riaperto il discorso qualificazione. Ci teniamo tanto a questa competizione. Io non sono un goleador, mi piace dare soluzioni ai compagni. Sono felice che oggi sia arrivato il gol, ma la prestazione di tutti è stata importante. Dobbiamo continuare su questa strada. Partite come questa aiutano a vincere, bisogna avere umiltà, sacrificio e determinazione. Dobbiamo ripartire da qui, la partita con la Juventus è un lontano ricordo. Prendiamo la partita di stasera e continuiamo su questa strada”.

FANTAPILLS:

fantapillsMurillo: se Handanovic è costretto agli straordinari la colpa è soprattutto della difesa. Non ci sentiamo di puntare il dito su Miranda, forse l’unico a metterci sempre una pezza, né di dare troppe colpe a chi gioca poco, come Nagatomo e Santon, e allora resta il colombiano quello a cui deve essere mosso l’appunto: troppo distratto, soprattutto sulle palle inattive.

Candreva: aveva iniziato la stagione come uno dei più brillanti, per poi perdersi con il resto della squadra durante le ultime uscite. Oggi è apparso ancora un po’ “bloccato”, ma il goal è tanto bello quanto importante, una boccata di ossigeno per lui e per la squadra.

Handanovic: dopo lo sfortunato autogol di domenica arriva una prova da Superman. Come per Buffon, il portiere nerazzurro si è riscattato nella gara di Coppa, quella che al fantacalcio non conta. Ma siamo sicuri che i primi ad esultare saranno stati i suoi fantapossessori, specie per chi gioca con il modificatore!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy