Casa Genoa: segnali da Lapadula e sorpresa Ninkovic nella prima parte di ritiro

Finita la prima parte del ritiro a Neustift, il Genoa di Juric sta per iniziare la seconda parte della preparazione a Bardonecchia. Il gruppo è apparso molto unito e c’è positività per l’inizio della nuova stagione.

di Riccardo Corsano, @riccardoc9

Inizierà in questi giorni a Bardonecchia la seconda parte della preparazione del Genoa 2017/18 di Ivan Juric. L’allenatore e i giocatori finora si sono dimostrati entusiasti del lavoro svolto sul campo e stanno rispondendo bene all’inizio dell’era post-Preziosi. Gli acquisti non sono mancati (Spolli, Zukanovic, Bertolacci e Lapadula tra i più altisonanti), alcuni devono ancora arrivare (Centurion); mentre è in stallo la situazione del bomber rossoblu Giovanni Simeone, dalla quale passeranno molte decisioni che influiranno sulla formazione per la prima di Campionato.

GENOA: I RISULTATI DELLE AMICHEVOLI

Solo successi dalle partite disputate sino a questo momento: dopo l’amichevole contro la Rappresentativa Val Stubai infatti, sono arrivate le vittorie contro i tedeschi dell’Hoffenheim di Nagelsmann (squadra rivelazione dell’ultima Bundesliga) impegnato nei preliminari di Champions League e i francesi del Nantes allenati da Claudio Ranieri che inizieranno la stagione già nel prossimo fine settimana. Le ultime due vittorie testimoniano il buon lavoro fatto fino ad adesso dalla squadra di Juric, visto che entrambi gli avversari sono più avanti nella preparazione per i rispettivi impegni in Europa e in Ligue 1. Ieri, invece, il Grifone ha affrontato un match amichevole con il Savona, vinto 8 a 0 con quattro reti per tempo.

GENOA: IL POSSIBILE UNDICI, ALCUNE SORPRESE E LE CONDIZIONI DI LAPADULA

Diversi acquisti in tutti i reparti vanno a rinforzare una squadra che l’anno scorso si è dimostrata poco attrezzata per arrivare alla salvezza senza particolari fatiche. La rosa del Genoa è stata migliorata con acquisti che vanno ad aumentare il tasso tecnico in fase di impostazione, in modo da far circolare la palla più velocemente per puntare all’attacco sugli esterni, per fornire palloni alla punta e per gli inserimenti dei “falsi trequartisti”.

La squadra di Juric conferma il 3-4-3 visto la scorsa stagione con Perin tra i pali.

Davanti a lui quello che è stato impiegato con più regolarità in queste amichevoli è Ervin Zukanovic. Il difensore serbo ex Roma è dotato di un buon piede mancino e prenderà posto sull’out di sinistra.

Al centro, visto l’addio di Burdisso, è arrivato un difensore dalle caratteristiche simili: Nicolas Spolli. L’argentino conosce molto bene la nostra Serie A ed è il profilo giusto per fisicità ed esperienza per sostituire il capitano della scorsa stagione. In sua assenza giocherà Gentiletti.

Più incertezze per l’ultimo posto disponibile nel terzetto dietro: in amichevole si sono alternati Munoz e Biraschi e a ottobre rientrerà dalla squalifica Izzo. Quest’ultimo ha ottenuto un permesso per giocare le amichevoli estive e si è dimostrato subito importante per la prossima stagione. L’impressione è che a inizio stagione si alterneranno i primi due, poi tornerà titolare Izzo.

In mezzo giocheranno Veloso e Bertolacci, con Cofie e Hiljemark a disposizione di Juric. Il portoghese si è dimostrato fondamentale per il gioco del Grifone e in queste amichevoli è apparso molto in forma, nonostante i soliti fastidi che spesso lo tengono lontano dal rettangolo di gioco. Discorso diverso invece per l’ex milanista: è apparso subito partecipe e attivo in fase offensiva, facilitando il gioco del suo compagno di reparto. Il suo score nelle 3 stagioni in rossoblu parla chiaro: 12 goal. Tornerà quindi ad avere un certo appeal nelle vostre aste.

Suonano le sirene di mercato, ma difficilmente i rossoblu si priveranno di Laxalt, titolare indiscusso sulla a sinistra. Dall’altra parte, invece, Lazovic non avrà più concorrenza e giocherà in pianta stabile ed è chiamato a confermare quanto di buono visto nell’ultima parte di stagione.

Dietro la punta in tanti si contenderanno il posto. Per ora, si ipotizza che Rigoni giocherà sicuramente, vista la sua importanza tattica. Palladino ha rinnovato il suo contratto e sarà presente per un’altra stagione. Con Pandev che può giocare sia in appoggio che come riferimento, i giovani Pellegri e Salcedo che scalpitano e l’arrivo dal Boca di Centurion, il discorso si fa intrigante.

Ninkovic ha dimostrato di poter fare la differenza nelle amichevoli (segnando anche su punizione), ma l’impatto in Campionato è da verificare. Il giovane serbo ha la stima del tecnico e delle ottime potenzialità, dopo un anno di ambientamento le sue quotazioni sono in risalita.

Arriva ora il nodo cruciale: la punta. Con Simeone che sembra destinato a partire e Galabinov arrivato come secondo attaccante, la maglia di titolare andrà a Gianluca Lapadula. E’ un’attaccante che per sacrificio si confa allo stile di gioco di Juric e capitalizzarà al massimo le occasioni che gli creeranno i compagni. Salta l’intera preparazione e forse le prime partite di Campionato, ma in questi giorni sta già lavorando vicino ai compagni con un programma di recupero personale, segno che l’attaccante voglia rimanere in contatto con il gruppo.

Ecco, dunque, il probabile undici del Genoa:

GENOA (3-4-3): Perin; Munoz (Izzo), Spolli, Zukanovic; Lazovic, Veloso, Bertolacci, Laxalt; Rigoni, Lapadula, Ninkovic. Allenatore: Ivan Juric.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy