Casa Fiorentina: la doppietta di Tello regala i 3 punti con il Pescara

Report del giovedì: nel recupero della 19a giornata di Serie A, vittoria importante a Pescara per i viola, che hanno trovato un nuovo slancio grazie alla doppietta di Tello. Contro la Roma probabile il recupero di Kalinic

di Francesco Spada, @MoradinGE

La vittoria arrivata negli ultimi secondi nel recupero contro il Pescara ha rilanciato la classifica della Fiorentina, che ora però dovrà affrontare una trasferta ben più difficile: martedì alle 20:45 la squadra gigliata farà visita alla Roma, compagine di caratura ben più alta.

FIORENTINA: REPORT INFORTUNATI

Come comunicato tramite il proprio sito ufficiale Violachannel.tv:

Bartlomiej Dragowski è stato oggi sottoposto a controllo clinico e radiologico con esito soddisfacente in seguito alla lesione di II grado del legamento collaterale del 3/1/17. Inizia dunque la seconda fase della riabilitazione, anche sul campo, atta al recupero della forza muscolare specifica.

Gonzalo Rodriguez prosegue la riabilitazione della lesione di I grado del bicipite femorale e nei prossimi giorni si aggregherà al lavoro del gruppo”.

Pertanto, per la trasferta di Roma mancherà sicuramente Gonzalo Rodriguez a guidare la difesa, mentre la mancata convocazione di Kalinic nel recupero contro il Pescara pare oramai essere stato solo a scopo precauzionale, motivo per cui sarà disponibile contro i giallorossi. Per Tatarusanu invece nessuna notizia di rilievo: resta quindi in dubbio e potrebbe ancora toccare a Sportiello.

FIORENTINA: REPORT RECUPERO 19a GIORNATA

PESCARA (5-4-1): Bizzarri; Zampano (dal 26′ s.t. Brugman), Crescenzi, Stendardo, Gyomber, Biraghi; Benali, Memushaj, Bruno, Caprari (dal 35′ s.t. Kastanos); Bahebeck (dal 30′ s.t. Cerri). A disposizione: Fiorillo, Pepe, Maloku, Delli Carri, Mitrita, Muric, Cubas. Allenatore: Massimo Oddo.

FIORENTINA (3-4-2-1): Sportiello; Tomovic (dal 1′ s.t. Chiesa), De Maio, Sanchez; Tello, Badelj (dal 38′ s.t. Cristoforo), Vecino, Maxi Olivera; Ilicic, Borja Valero; Babacar (dal 51′ s.t. Salcedo). A disposizione: Cerofolini Satalino, Hagi, Maistro, Baroni, Milic, Mlakar. Allenatore: Paulo Sousa.

MARCATORI: Caprari 15′, Tello C. 68′ e 95′

AMMONITI: Tomovic (F), Badelj (F), Vecino (F), Gyomber (P), Bruno (P) e Benali (P) per gioco scorretto.
ARBITRO: Russo di Nola.

Poco turnover per Sousa grazie anche alle molte assenze tra le file viola (G. Rodriguez, Kalinic, Bernardeschi, Astori): l’unica novità è presentata da Tello al posto di Chiesa. Parte molto bene il Pescara, che trova il gol del vantaggio sfruttando un buco lasciato dalla diagonale difensiva viola, con Caprari che ben servito da Biraghi si trova quindi davanti a Sportiello e non gli lascia scampo. Ad inizio ripresa subito dentro Chiesa per Tomovic: il cambio dà i suoi frutti, chiudendo il Pescara nella sua metà campo, e i continui attacchi portano al gol Tello che dalla sinistra si accentra e di destro spedisce la palla sotto l’incrocio. La Fiorentina ci crede e trova a tempo quasi scaduto il gol dei 3 punti: sempre Tello da sinistra crossa nel mezzo, nessuno la tocca e la palla finisce in fondo al sacco. A fine gara le lacrime di Oddo, molto sfortunato l’allenatore dei delfini.

FIORENTINA INTERVISTE: SOUSA NEL POST-PESCARA

Nel post-gara l’allenatore Sousa ha parlato brevemente della partita e del campionato: “Nella prima parte della partita potevamo controllare meglio il gioco e cercare con triangolazioni di oltrepassare la barriera del Pescara formata da 10 giocatori dietro la linea della palla. Il gol subito? Non siamo riusciti ad occupare bene gli spazi e le punte hanno attaccato bene la profondità, ma può succedere. All’intervallo abbiamo cambiato perché i nostri centrocampisti non hanno caratteristiche di inserimento, con l’ingresso di Chiesa, Ilicic è andato ad occupare di più l’area e nel finale anche Vecino è andato a giocare in una linea più alta vicina alla porta. Grazie a Tello e Chiesa poi abbiamo creato più cross e siamo andati più alla conclusione ed occupare di più l’area  Europa? Siamo più vicini alla zona Europa League, lavoriamo per vincere sempre, anche contro queste avversità. I ragazzi hanno provato che quando hanno voglia di vincere sono premiati e più competitivi“. Le domande poi sono virate su due giocatori della rosa che per un motivo o l’altro sono al centro dell’attenzione: “Chiesa? E’ un ragazzo che non ha solo valori tecnici, ma anche umani importanti e abbracciano i valori della Fiorentina. Tutti lo aiutano a crescere per diventare sempre più forte. Saponara? Devo ancora inserirlo in gruppo e capire le sue caratteristiche per integrarlo al meglio, pian piano interagirà con i nostri spazi e le nostre richieste. E’ un giocatore che può giocare soprattutto in posizione centrale, perché ha inserimento e senso del gol, ci dà un’altra possibilità per dare qualità al nostro gioco vicino alla porta. In più ha passo e può giocare anche sulle fasce. Tello? Gol e prestazioni aumentano la fiducia, dobbiamo approfittare di questi momenti positivi”.

Fonte: Violanews

FANTAPILLS

fantapills_03-Doppietta per Tello impiegato per tutta la partita. Lo spostamento a sinistra per mettere più pressione alla difesa del Pescara ha dato i suoi frutti. I dubbi sul suo rendimento però rimangono, in quanto i due gol sono un po’ causali.

-Non ci sono più parole per Chiesa: il figlio d’arte entra nelle ripresa e spacca letteralmente la partita.

-Non ci sono più parole neanche per Tomovic, ma nel senso opposto: molti si stanno chiedendo da tempo come mai continui a giocare lui e non Salcedo. In settimana voci di corridoio sembrerebbero aver dato risposta in tal senso, ovvero pare che la Fiorentina ancora non abbia l’accordo con il Chivas per la cessione. Sono solo voci, però…

-Il gol contro il Genoa poteva averlo svegliato, invece Ilicic oltre al palo su punizione non sembra dare forti segnali di ripresa. Potrebbe quindi già finire in panchina contro la Roma.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy